venerdì 06 marzo 2015




Il ricco è un uomo al quale tutti i poveri danno un soldo.

Paul Valéry

jtemplate.ru - free extensions for joomla
Oggi sulla Stampa
  • Il gender gap rovesciato "Sono più istruite dei maschi"

    Donne e libriIl sorpasso delle laureate è ormai realtà in tutta l'Europa: ben 8,4% in più di donne rispetto agli uomini. A trent'anni hanno studiato di più e sono più diplomate degli uomini. È uno dei pochi gender gap in favore dell'altra metà del cielo. Mentre su salari e occupazione la disparità pesa ancora sulle ragazze, nello studio universitario i rapporti di forza si sono capovolti, così come certifica l'ultimo rapporto di Eurostat. [...] l'Italia si trova un pò al di sopra della media europea con 10% di ragazze in più dei coetanei che finiscono gli studi universitari. 
    Anais Ginori, la Repubblica ...
    Commenta
  • Diamo maestri ai ragazzi schiavi dei video hard

    Dopo il caso del video hard della sedicenne torinese condiviso sui social network da oltre tremila persone, chi si occupa di didattica dovrà fare una riflessione. Non si potrà veramente parlare di "buona scuola" in Italia fino a quando, per legge, non si formeranno insegnanti specifici di "Educazione alle relazioni digitali". Qualcuno abbia dunque il coraggio di prendere la decisione, solo all'apparenza del tutto irrituale, d'introdurre il "social networking" come materia obbligatoria sin dalle classi elementari. 
    Gianluca Nicoletti, La Stampa ...
    Commenta
  • Meglio sole che difese da noi

    Fusione donna/uomoChe cosa deve fare un uomo per rendere migliore la condizione delle donne? Battere in ritirata. Le cose che non deve fare (più) sono due: una evidente, guardarsi da violenza e prepotenza, l'altra meno evidente, non ritenersi investito della missione di proteggere le donne. Naturalmente, se assiste a una violenza inflitta a una donna e non interviene come può a difenderla, è un complice o un vigliacco. Ma non perché mostri così che "non è un vero uomo".
    Adriano Sofri, la Repubblica ...
    Commenta
  • Chi blocca la rinascita di Pompei

    Pompei, fine febbraio, ore 16.30. Gli scavi sprofondano nel silenzio. Sarà la pioggia. Sarà che gli operai se ne sono già andati, tutti. Sarà che di turisti ne restano pochi, sparpagliati verso le uscite. Solo un custode armeggia con un mazzo di chiavi. Mancano trecento giorni alla temuta scadenza dei fondi europei; trecento giorni per spendere gli oltre cento milioni di euro del "Grande progetto" in restauri, rinforzi, ricerche. 
    Paolo Fantauzzi/Francesca Sironi, l'Espresso ...
    Commenta
  • Il sogno della scuola modello che resiste a incuria e cemento

    Bimbo, libro e ambienteBlindato, un nastro rosso ad ogni aiuola e sterrato, i tre accessi da via Padova, Morandi e Giacosa interdetti al pubblico. Così per dieci giorni, con l'autorizzazione ad entrare solo ad alunni, insegnanti e genitori. Da oggi il bel polmone verde - 140 mila mila metri quadrati - l'unico sfogo per i tanti palazzoni compressi tra viale Monza e via Padova, tornerà in parte agibile.
    Paola D'Amico, Corriere della Sera ...
    Commenta
  • Noi, sopravvissute a Boko Haram

    "L'educazione è molto importante, Boko Haram ha provato a togliermela, ma non c'è riuscito". Parla Mary, una delle 276 liceali rapite dal gruppo jihadista il 14 aprile dell'anno scorso nel villaggio di Chibok nel nord della Nigeria. Insieme ad altre 56 ragazze, con la forza della disperazione, è riuscita a scappare agli estremisti.
    Lorenzo Simoncelli, l'Espresso ...
    Commenta
Stop TTIP
Famiglia
  • Noi genitori di fronte alla "mutazione tecnologica" dei nostri figli

    Tecnologia1Raffaella Silipo, La Stampa
    6 marzo 2015

    L'adolescenza è da sempre un territorio misterioso, sospeso tra energia e frustrazione, enormi potenzialità e nessuna esperienza per gestirle. Grandi amori, amicizie tormentate, profonde solitudini: solo ai più fortunati tra gli umani riesce subito tutto bene, la gran parte di noi tra la prima media e l'esame di maturità ha sperimentato una serie di fallimenti, errori, figuracce - oltre a emozioni e allegrie travolgenti - di cui poi ha fatto tesoro finita la scuola, scoprendo che nella vita non necessariamente è buona la prima.

    ...
    Commenta
Diritti
Violenza
  • Donne migranti: lo sfruttamento è doppio

    Marco Omizzolo e Roberto Lessio, Zeroviolenza
    3 marzo 2015

    Amal avrebbe voluto guardare meglio negli occhi del soldato, ma la bocca del fucile automatico contro la fronte non glielo permetteva. Era sufficientemente vicina per vedere che portava le lenti a contatto. Si immaginò il soldato curvo su uno specchio che si infilava le lenti negli occhi prima di vestirsi e andare a uccidere. Che strano, pensò, quello che ti viene in mente tra la vita e la morte. ...
    Commenta
No Expo
  • Sostenibilità surgelata

    ciboOff Topic
    2 marzo 2015

    Ricordate il violento litigio non sanato fra Fiera di Milano e Fiera di Parma, il cui prodotto fu un padiglione corporate Italia da aggiungersi al padiglione Italia? Il 27 febbraio scorso è stato presentato il progetto di Cibus Italia, nato dalla collaborazione di Federalimentare e Fiera di Parma, fruibile in forma di rendering. 420 aziende partecipanti, anche Interni sarà della partita e ne approfitta per annunciare il FuoriSalone (del Mobile s’intende) più lungo della storia: dal 13 aprile al 24 maggio. ...
    Commenta
Scuola
  • La crisi culturale della scuola italiana

    scuola_maurice denisAntonio Vigilante, Comune.info
    2 marzo 2015

    Nella scuola italiana non si fa – non si fa più o non si è mai fatta: se ne potrebbe discutere – cultura autentica. Si favorisce più il pensiero convergente ed il conformismo che il pensiero critico. Lo schema dominante è consolidato: fare scuola è fare lezione. Il docente parla, gli studenti ascoltano ed assimilano. Poi ripetono. Il docente non produce cultura, la trasmette. ...
    Commenta
Sinistra
  • Prove di Coalizione sociale

    Lavoro precarioFrancesco Raparelli, L'Huffington Post
    28 febbraio 2015

    Si discute molto in questi giorni di Coalizione sociale. Ne ha discusso lo Strike Meeting a Roma, un paio di settimane fa, ne discutono i metalmeccanici in questi giorni a Cervia, pongono il problema da tempo i professionisti "atipici" (non legati agli ordini) di ACTA. Così è insistente la discussione sulle forme, semmai sui soggetti (bastano precari e studenti, se la cavano gli operai con la "società civile", bene che gli autonomi se la vedano tra loro), che stentano a emergere in primo piano le pratiche. ...
    Commenta
Libertà
  • Legge sulla diffamazione. Intervista a Silvia Garambois

    DiffamazioneMonica Pepe, Zeroviolenza
    24 febbraio 2015

    Silvia Garambois, a che punto è l'iter parlamentare della legge sulla diffamazione a mezzo stampa?

    Il Senato ha approvato quella che è una brutta legge, un nuovo bavaglio alla stampa, lo scorso 29 ottobre. Ad oggi la normativa è alla commissione giustizia della Camera, dove sono stati presentati nuovi emendamenti: alcuni per limare i punti più controversi, altri – purtroppo – che pongono nuovi paletti all'informazione. ...
    Commenta
Donne
  • Vita dietro le sbarre di un microcosmo sessuato

    donne_magritte_the-double-secretCristina Morini, Il Manifesto 
    25 febbraio 2015

    La depersonalizzazione e il declassamento dell'individuo attraverso la cancellazioni di diritti (alla privacy, all'affettività, alla salute) sono parte integrante dei disegni del carcere. La sofferenza che tali trattamenti generano si traduce spesso in fenomeni autodistruttivi. I nessi tra il disconoscimento dei vissuti, piegati e domati, le precarietà esistenziali dei percorsi individuali e le ricadute cliniche sono evidenti. ...
    Commenta
Scuole
La lettera
  • Il Corriere della Sera e l'"ideologia gender"

    Educare alle differenze
    2 marzo 2015

    Il 26 febbraio, il Corriere ha dedicato un'intera pagina di pubblicità contro una fantomatica "ideologia gender" diffusa nelle scuole, che sponsorizzava una petizione contraria alle strategie dell'Ufficio del Governo Italiano per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull'origine etnica (UNAR) e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in merito alle politiche di pari opportunità e uguaglianza – si legge sul sito citato nello spot. ...
    Commenta
Maternità
  • Non c'è scampo per le madri

    madriChiara Saraceno, La Repubblica
    2 marzo 2015

    O sono troppo accudenti, al punto da soffocare la capacità di autonomia dei figli (soprattutto maschi) - le madri coccodrillo lacaniane. Oppure, se hanno anche una vita e interessi fuori e accanto alla maternità-vita e interessi che per altro costituiscono un argine ad ogni tentazione divorante-rischiano di essere madri senza cuore, incapaci di accudimento.
    Commenta
Diritti
  • Vivere senza carcere?

    Valentina Calderone, Zeroviolenza
    26 febbraio 2015

    La questione carceraria nel nostro paese sembra, quasi miracolosamente, uscita dalla zona d'ombra cui fino a poco tempo fa veniva relegata. Si è parlato molto di sovraffollamento, di condizioni fatiscenti dal punto di vista strutturale, di trattamenti inumani e degradanti subiti dai detenuti.
    Ad aprire un varco nell’oblio collettivo che affliggeva lo stato delle nostre prigioni – come se parlar di carcere non fosse argomento di interesse anche per i cittadini liberi – ci ha pensato la Corte europea per i diritti dell'uomo, che ha più volte ammonito, quando non multato, ...
    Commenta
Violenza
  • I corpi scissi dell'Isis

    Monica Pepe, Zeroviolenza
    18 febbraio 2015

    "Il tempo della globalizzazione è il tempo di una violenza che non si limita a uccidere, ma che penetra e ferisce corpo e anime". Arjun Appadurai

    Quanto accade in alcuni Paesi arabi come in alcune capitali europee, sublima ogni modernità, reale o presunta, mettendo a profitto l'istinto primordiale della violenza. ...
    Commenta
Discriminazioni
  • Chi fa la legge? Pubblica amministrazione e diritto d'asilo

    Marco Omizzolo e Roberto Lessio, Zeroviolenza
    5 marzo 2015

    I risultati del dossier "Chi fa la legge? Pubblica amministrazione e diritto d’asilo", redatto nell'ambito del progetto Centro operativo per il diritto all'asilo dall'associazione SenzaConfine, ASGI e Laboratorio 53, con il sostegno di Open Society, denuncia soprusi, violenze psicologiche, prepotenze di cui spesso le pubbliche amministrazioni sono protagoniste. Le vittime ancora una volta sono i richiedenti asilo; ...
    Commenta
Lo spettacolo
  • Anselmo e Greta

    Sabato 7 e domenica 8 marzo
    nuovo Cinema Palazzo
    Roma...
    Commenta
L'intervista
Newsletter
  • Iscriviti alla newsletter di Zeroviolenza
    Commenta
Flash News
Tweets @ZeroViolenza


Appuntamenti
eventi@zeroviolenza.it


  • 8x1000 Tavola Valdese
  • Re:Common

  • Europeen institute for gender equality

  • Cyber tuba
  • Lipperatura di Loredana Lipperini