Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione. Per prestare il consenso all’uso dei cookies (leggi l'informativa) cliccare su "Accetta".
Zeroviolenza su Facebook 
Zeroviolenza su Twitter  
Canale Youtube di Zeroviolenza  
Zeroviolenza su Google PLus
mercoledì 26 aprile 2017

« Il dolore più grande è non essere desiderati, renderti conto che i tuoi genitori non hanno bisogno di te quando tu hai bisogno di loro. Questa mancanza di amore è entrata nei miei occhi e nella mia mente. L'unico motivo per cui sono diventato una star è la mia repressione. Nulla mi avrebbe portato a questo se fossi stato "normale" ». John Lennon

Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza!

E l'eroina diventò "democratica"

TrainspottingChecchino Antonini, Left
8 febbraio 2017

"Che ce l'hai cento lire?". C'era una volta il tossico abitatore di panchine e locali malfamati, alla ricerca di autoradio e catenine. O spicci. Tutto per uno schizzo, la "roba", sempre di più, sempre più spesso. C'era una volta il tossico. E c'è ancora, ma ora è invisibile, bisogna stanarlo perché è cambiato il modo di consumare l’oppiaceo più efficace.

L’eroina è la merce perfetta: occupa poco spazio, rende bene, provoca la fidelizzazione più rapida e tagliandola se ne moltiplica il valore. Oggi, più che spararsela in vena, viene inalata. La pallina di brown sugar avvolta nella stagnola è più “smart” della “pera”. E più insidiosa. Così raccontano le voci ascoltate da Left in queste pagine. È l’eroina 2.0. A “farsi” sono giovani, italiani, insospettabili, che lavorano o studiano, “compatibili”, che non hanno bisogno di commettere reati.

Per la ministra Lorenzin l’eroina è sparita dalle strade. Ma dal 2009, stando ai dati ufficiali, il contatto con la sostanza risulta in leggera ripresa dopo anni di calo. E la ricerca Espad (European school survey project on alcohol and other drugs) del Cnr la classifica come la più popolare tra i quindicenni, dopo la cannabis. Se un terzo dei liceali s’è fatto una canna, l’1% ha assaggiato eroina negli ultimi 12 mesi.

Per l’Istat gli eroinomani sono 281mila (una città più popolata di Venezia) contro i 300-400mila del ’93. Lo studio Espad dal 1995 somministra questionari a 400-500 scuole per indagare consumi e comportamenti a rischio. La referente è la dottoressa Sabrina Molinaro. «Già dal 2003 – spiega – si assiste a un lento aumento di chi ne fa uso più di dieci volte al mese, quasi 20mila studenti fra i 15 e i 18 anni.

Quello che colpisce è la scomparsa del tabù sull’eroina, uno sdoganamento che corrisponde alla diminuzione della percezione dei rischi correlati e un aumento anche dell’uso iniettivo di questa e altre sostanze. Le scuole che partecipano a Espad ci dicono che quando si interrompono progetti informativi e prevenzione aumentano i consumi problematici. E un 2,5% del campione ammette un uso caotico, ossia dichiara di assumere sostanze di cui non sa né il nome né gli effetti».