Il Paese che non ha più genitori

Candida Morvillo, Corriere della Sera
8 febbraio 2019

Il numero medio di figli per donna è rimasto invariato a 1,32, come nel 2017, eppure, nell’ultimo anno, di bambini ne sono nati novemila in meno. L’antinomia dei due dati appena rilasciati dall’Istat è la foto perfetta di una nuova "trappola demografica".

Congedi parentaliLuisiana Gaita, Il Fatto Quotidiano
9 ottobre 2017

I dati dell'Ispettorato nazionale, che monitora la convalida dei recessi dai contratti chiesti dai genitori. Su del 44% le richieste legate a assenza di parenti di supporto, mancato accoglimento al nido, costi eccessivi per la baby sitter. Dei congedi parentali hanno usufruito 254.571 mamme e solo 52.130 papà.

Ciò che resta del padre

  • Lunedì, 19 Dicembre 2016 12:33 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Paternità e solitudineSarantis Thanopulos, Il Manifesto
17 dicembre 2016

Il pericolo dell'estinzione del padre ossessiona una società che non riesce né a uscire né a stare dentro il recinto della sua storica organizzazione patriarcale - la quale sempre di più rivela il suo carattere repressivo, costrittivo. Il rischio vero, in corso d'opera, è la regressione collettiva verso l'investimento della figura di un "padre ideale" che oscura la relazione "coniugale" (la congiunzione erotica tra pari) in entrambe le sue declinazioni (etero e omosessuale).

Il Telemaco, il messia e la Costituzione

  • Sabato, 19 Novembre 2016 07:42 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Telemaco e PenelopeSarantis Thanopulos, Il Manifesto
19 novembre 2016

Massimo Recalcati nell'elogiare, alla Leopolda, Matteo Renzi, ha accusato la sinistra del No di essere masochista, paternalista e di odiare la giovinezza. Accuse fondate su luoghi comuni.
Un discorso aforistico, privo di argomenti, teso a screditare l'avversario piuttosto che ad esprimere una propria opinione sui quesiti referendari.

Crisi della paternità o dell'ideale virile?

  • Domenica, 20 Marzo 2016 10:24 ,
  • Pubblicato in COMUNE INFO
Padri e figliLea Melandri, Comune-Info
20 marzo 2016

È mia abitudine fare maggiore attenzione a ciò che rimane invariato nel tempo, piuttosto che ai cambiamenti. Perciò ho letto con piacere la lettera-editoriale di Barbara Stefanelli sul Corriere della sera (19 marzo 2016), dedicato ai "nuovi padri", "presenti e responsabili"

facebook