Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione. Per prestare il consenso all’uso dei cookies (leggi l'informativa) cliccare su "Accetta".
Zeroviolenza su Facebook 
Zeroviolenza su Twitter  
Canale Youtube di Zeroviolenza  
Zeroviolenza su Google PLus
martedì 19 settembre 2017



"Nell'estremo dolore, i ruoli sono capovolti: gli uomini emettono grida bestiali e le bestie grida umane".

Malcolm de Chazal


Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza! CF 97524750581

L'Editoriale (383)

MigrantiManuela Cencetti, Zeroviolenza
19 settembre 2017

Ritorniamo alle campagne coloniali italiane nel mezzo del Mediterraneo: la recentissima campagna militare di Libia garantirebbe ora il non-arrivo di migranti, rifugiati e richiedenti asilo sulle coste o isole italiane.
Quello che è accaduto nelle ultime settimane è di nuovo un'operazione di alta cosmesi.
Migranti minori bambiniManuela Cencetti, Zeroviolenza
12 settembre 2017

Questo punto è probabilmente dedicato alle persone più giovani che magari stanno ancora studiando, o vorrebbero lavorare con una ong o che credono che in generale i diritti esistano, garantiti dagli stati, perché sono stati scritti da qualche parte, in un qualche momento storico. E che pensano che esista anche una qualche forma di giustizia che li applica puntualmente.
Migranti scarpeManuela Cencetti, Zeroviolenza
7 settembre 2017

Esistono sicuramente anche "altre ong" che si prestano a collaborare con governi locali di qualsiasi colore e con imprese private di ogni tipo per realizzare grandi profitti in seguito a disastri "naturali" ed emergenze "umanitarie" (se si pensa a cosa accade nelle zone terremotate in Italia vi lascio immaginare quello che si scatena in altre zone del mondo dopo eventi simili o peggiori).
Migranti Rifugiati Stato d'EmergenzaManuela Cencetti, Zeroviolenza
4 settembre 2017

Il testo che segue – e che sarà pubblicato “a puntate” – è nato nei mesi in cui è partito l’attacco politico e mediatico contro le ong che operano nel Mediterraneo.
In questo percorso si intendono articolare e collegare alcuni fenomeni strutturali (migrazioni, forme di accoglienza, condizioni di vita e sfruttamento di migranti e richiedenti asilo in Italia, ecc.) con alcuni eventi di cronaca recente in un quadro di guerra aperta ai migranti da parte delle “nuove” politiche coloniali e militari di Italia e Unione Europea in Libia e più precisamente in Africa subsahariana.
La prospettiva di chi scrive è quella di chi opera nelle ong ma anche di chi fa parte di movimenti di lotta e autodeterminazione, qui come altrove.
Genova G8 200120 luglio 2017

Nel 2012 pubblicammo "Il coraggio di Genova", una raccolta di articoli e testimonianze sui fatti di Genova 2001.
La riproponiamo oggi perché non dobbiamo perdere la memoria, perché ci sono ancora persone che non sono state risarcite (e mai lo potranno essere completamente) di quei terribili giorni, perché vogliamo onorare così la memoria di Carlo.
StalkingMaria (Milli) Virgilio e Silvia Santunione, Zeroviolenza
7 luglio 2017

All'origine nel 2009 gli "atti persecutori" sono stati introdotti nel nostro sistema giuridico come una ipotesi di reato che potesse essere gestita dalla persona offesa con un elevato grado di autonomia (la più idonea per i cd reati sentinella).
La maggioranza delle ipotesi erano procedibili a querela. Residuavano infatti come procedibili d'ufficio gli atti nei confronti di un minore, di un disabile, o in connessione con altri reati procedibili d'ufficio.
Selfie Notre DameMonica Pepe, MicroMega
17 giugno 2017

La domanda di senso collettiva non è più “chi sono? come sarà la mia vita?” ma “dove sono? per quanto ancora vivrò?”. Il fatto che fino a poco tempo non fosse pensabile questo cambiamento evidenzia il fallimento di un’epoca.

“God of War” una serie americana di videogiochi di successo fu ideata negli anni 2000 sulla base del mito di Pandora. Sarà in grado questa volta il genere umano di ricomporre un contenitore per i mali sparsi nel mondo?
Frida khalo, Sole e VitaAnna Pompili, Zeroviolenza
30 marzo 2017

La notizia del ginecologo di Spoleto che, dopo anni di obiezione di coscienza, ha deciso di "passare dall'altra parte della barricata, la parte delle donne", solleva una serie di questioni che impongono riflessioni serie non solo tra gli operatori, ma nella società civile, perché riguardano il diritto alla salute, il diritto di scegliere del proprio corpo, il rapporto medico-paziente e le implicazioni etiche di quest’ultimo.
Europa, dopo 60 anni cosa festeggiamo?Matteo Bortolon, Zeroviolenza
25 marzo 2017

Mentre i rappresentanti degli Stati membri si riuniscono a Roma in una cerimonia inevitabilmente celebrativa, in piazza avremo diversi cortei di differente colore politico ma tutti più o meno critici dell'assetto attuale. Sondaggi diffusi nel 2016 mostrano un euroscetticismo crescente, anche in paesi in passato sostanzialmente favorevoli all'UE.
Che è successo?
#8marzo Sciopero delle donneStefano Galieni, Zeroviolenza
7 marzo 2017

Il mio otto marzo è fitto di storie di donne che non si sono mai arrese.
E mi sento un privilegiato ad averle incontrate lungo questo tratto di vita, non hanno ancora cambiato il mondo ma più o meno consapevolmente hanno provato, spero riuscendoci, a fare di me una persona migliore.
Pagina 1 di 39
Articoli correlati