pagine istituzionali

Concorso di poesia "Bocca di Rosa"

L'idea di un concorso di poesia dedicato a tutte le persone che lavorano come prostitute/prostituti nasce dalla volontà di dare voce, poetica e artistica, a quelle persone che la società considera perdute, prive di interiorità e di dinamiche affettive, come se non avessero diritto ad avere una storia personale, fatta anche di sogni, speranze, intermittenze del cuore.

Concorso di poesia "Bocca di Rosa"

L'idea di un concorso di poesia dedicato a tutte le persone che lavorano come prostitute/prostituti nasce dalla volontà di dare voce, poetica e artistica, a quelle persone che la società considera perdute, prive di interiorità e di dinamiche affettive, come se non avessero diritto ad avere una storia personale, fatta anche di sogni, speranze, intermittenze del cuore.

Formazione

  • Ott 02, 2017
  • Da

I NOSTRI PROGETTI DI FORMAZIONE


"Media e identità di genere". L'informazione che non discriminaFormazione per adulti
Nel 2017/2018 realizzeremo alcuni corsi di formazione per giornalisti "Media e identità di genere: l'informazione che non discrimina", in collaborazione con Geni Valle e Simona Di Segni dell'A.I.Psi. (Associazione italiana di Psicoanalisi) e con l'Associazione Stampa Romana.
 


I ragazzi di "Vuoi fare una Radio?" in visita a Radio3Formazione per ragazzi
Abbiamo realizzato il corso di giornalismo radiofonico per ragazzi e ragazze delle periferie di Roma "Vuoi fare una Radio?", anche con il sostegno dell'8x1000 della Tavola Valdese e con il patrocinio di Rai Radio3.
 



ScuoleScuole
Zeroviolenza ha realizzato nel 2014 e nel 2015 due cicli di corsi dedicati a genitori e insegnanti delle scuole materne, elementari e medie in istituti delle periferie romane.
 




Giorgio Zanchini
Roma, 1967. Giornalista, attualmente lavora al Giornale Radio Rai, dove conduce la trasmissione quotidiana “Radio Anch’io”. In passato ha condotto diverse trasmissioni su Radio3 e Radio1, e ha lavorato per diversi anni per il Gr, occupandosi di cultura, attualità, temi europei. E’ stato autore e conduttore de “Il cielo e la terra” su Rai3, ciclo di trasmissioni andato in onda nel 2008, e ha condotto trasmissioni per Rai5. Direttore del Festival del giornalismo culturale di Urbino e Fano. Vicedirettore della rivista “I diritti dell’uomo”. E’ nel consiglio scientifico della rivista “Problemi dell’informazione”. Collabora con le Università di Urbino e Roma, dove tiene lezioni e seminari. E’ autore di diversi libri e articoli scientifici sul giornalismo. I suoi ultimi titoli: Leggere, cosa e come (Donzelli, 2016); Infocult (a cura di Angeli, 2015), Il giornalismo culturale (Carocci, 2013).

Pietro Del Soldà
Pietro Del Soldà collabora con Radio3 da 15 anni. Ha iniziato a confrontarsi con il microfono grazie a "Arrivi e partenze", rubrica di interviste a personaggi stranieri di passaggio in Italia, poi leggendo e commentando i giornali stranieri per il programma "Radio3Mondo". Oggi conduce la trasmissione "Tutta la città ne parla", che ogni mattina prende spunto dalle telefonate degli ascoltatori per raccontare e analizzare la realtà in diretta. Negli anni ha fatto anche altri lavori (ha collaborato per 8 anni con Amref, ong che si occupa di salute in Africa) e altri continua a farne (insegna Comunicazione e Politica alla Sapienza Università di Roma). Ha scritto su diversi giornali e nel 2007 ha pubblicato un libro di filosofia, "Il demone della politica".
Tutte queste esperienze, così diverse tra loro, lo aiutano nel suo lavoro quotidiano di confronto con i temi, i problemi, le idee, i sentimenti più vari che attraversano la nostra società.

Ilaria Sotis
Sono Ilaria Sotis, sono nata a Roma il 7 gennaio 1966 e abito in questa città con mio marito e le mie due figlie, Olivia (17) e Rosa (6). Lavoro in Rai dal 1989, ma prima ho scritto per Il Giornale di Napoli, Paese Sera, L'Espresso, Rinascita e il Mattino. Ho curato anche alcuni uffici stampa. In Rai sono stata al Tg3 (Esteri, cultura, cronaca, politica), ho lavorato anche a Rai2 e sono stata assunta a Rainews24 dopo 10 anni di contratti a tempo indeterminato. Dopo 2 anni, nel 2001 sono arrivata alla Radio, al Gr mi sono sentita a casa. Dopo due anni in cronaca ho iniziato a fare programmi sociali e la sfida è stata quella di farne non trasmissioni di nicchia ma quotidiani di attualità sociale.
Non è stato difficile perché in questi anni le tematiche sociali - il nostro vivere quotidiano- si sono complicate e dunque è necessario essere cittadini informati. Il mezzo radiofonico garantisce verità e immediatezza all'informazione sociale senza prevaricare, senza "sbirciare dal buco della serratura" ma mettendo il cittadino al centro della notizia. La voce è ciò che di più rappresenta le persone che intervengono a titoli di cittadini o di "esperti", se chi parla non è autentico o pertinente questa mancanza arriva immediatamente. E questo per me è garanzia di verità. A chi, come me sta al microfono spetta il compito di far uscire questa verità. Una sfida bellissima.

Giorgio De Angelis
Sono Giorgio De Angelis, nato a Roma il 14 novembre 1985. Sin dai primi anni dimostro di essere un gran chiacchierone, ma decido di non assecondare questa mia indole. Dopo elementari e medie scelgo i numeri: liceo scientifico. In 5 anni comprendo che "la matematica non sarà mai il mio mestiere" e torno alle parole: corso di Laurea in Lettere Moderne all'Università di Roma Tre. Triennale, poi Specialistica.
Finito. Ok, ora che faccio? - mi sono chiesto.
Apro una web radio con alcuni amici, dura due anni, giusto il tempo di iscrivermi al Corso di Giornalismo di Retesport, la radio che ascolto ogni giorno (si parla per tutto il tempo della MIA squadra del cuore, la ROMA!). Tanta strada, tanta fatica e tanta tanta tenacia mi spingono in un'avventura clamorosa, che mi porta addirittura a raccontare le partite in diretta. Un sogno. Una passione che diventa lavoro. Incontro tanti colleghi bravi, rubo con gli occhi e con le orecchie... orario notturno, rassegna stampa, partite e post partita sono le trasmissioni che ho condotto in questi anni... fino ad arrivare qui, di fronte a voi!

Francesca Ferrazza
Io comincio nel 1999 a Teleambiente, parallalemente seguo il corso di giornalismo "Il piccolo gruppo" di Plastino. Nell'ottobre '99 entro anche a Radio Incontro, prima come redattrice, poi come inviata, per la trasmissione di Mario Corsi. Dal 2000 comincia anche la mia collaborazione televisiva con "La signora in giallorosso" su T9. Il tesserino, nel frattempo, lo prendo seguendo le partite delle categorie inferiori col "Corriere Laziale". Fino all'estate del 2001, oltre a radio e tv, scrivo, sempre seguendo la Roma, su Leggo, rossoegiallo, e altre pubblicazioni legate a quella Roma che stava vincendo lo scudetto. Da luglio 2001 divento collaboratrice fissa de "La Repubblica" (collaborazione ancora in piedi). Nel 2003 l'Ussi mi premia quale miglior giovane giornalista sportiva dell'anno.
Nel 2009 comincio la collaborazione con Teleradiostereo come conduttrice, e dal 2014 sono a Retesport.
La base di tutto è la mia enorme passione e il mio amore per la Roma, che ho seguito tanto da quando ero ragazzina, e che ha portato nella mia vita tutte le cose più belle che ho. È stata una fortuna, un onore e un privilegio raro, riuscire ad abbinare una passione vera a un lavoro del quale vivo. E del quale non potrei mai fare a meno.

John Vignola
John Vignola si occupa professionalmente di musica da più di vent’anni. Ha curato una piccola etichetta discografica, ha pubblicato libri sulla storia del rock e ha partecipato alle immancabili enciclopedie sul genere, uscendone vivo.
Oltre a condurre Radio1 Music Club su Radio1 Rai, scrive settimanalmente su Vanity Fair e continua a pubblicare libri sull'argomento. Nel tempo libero ascolta dischi, di qualsiasi forma e dimensione.
Così come non c’è vita nel vuoto, è fermamente convinto che il pop non potrebbe esistere senza i Beatles. O viceversa.

Daria Corrias
Daria Corrias è curatrice del programma Tre Soldi di Rai Radio3, si occupa per passione e professione di audio documentari che a volte realizza come autrice. Inizia alla radio nel 2002 nella redazione di Golem, programma cult di Rai Radio1 creato e animato da Gianluca Nicoletti. Arriva a Rai Radio3 nel 2005 e da allora si occupa di audio documentari. Citando McLuhan, della radio pensa che tocca tutti personalmente e intimamente e, prendendo spunto dal Saramago di Cecità, se un giorno dovesse spegnersi, sarebbe come se ci allontanassimo gli uni dagli altri nello spazio, per sempre.

Nico Isgrò
Salve, sono Nicola Isgrò, ho 33 anni e vi scrivo da Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) per raccontarvi la storia di Radio Sprar, web-radio nata il 29 agosto 2014 all’interno del progetto S.P.R.A.R per cui, al tempo, lavoravo come volontario. Ho una laurea in Comunicazione Internazionale, conseguita nel 2014 all’Università degli Studi di Palermo e lavoro nel terzo settore dal 2012.
Il mio impegno nel sociale inizia in gioventù, frequentando il circolo Arci della mia città.
Proprio in questo circolo, nell’ottobre 2007, inizio l’assai formativa esperienza del Servizio Civile Nazionale.
Da allora sono attivista e promotore culturale, nelle vesti di organizzatore di eventi e dj, e insegnante di italiano come seconda lingua (2013 Progetto “Scarabeo” – corso di italiano per stranieri).

Emma Bove
Consulente, Formatrice e Facilitatrice nell’ambito di eventi collaborativi per aziende e organizzazioni che operano in diverse aree e settori di mercato (formazione superiore, banche, utilities, servizi, IT, sanità, farmaceutiche, non profit, ecc.). I principali progetti realizzati riguardano interventi di innovazione, innovative community building, strategie di mercato, change management, condivisione di cultura e valori, sviluppo del potenziale dei talenti.
Nel corso della mia esperienza professionale, sono stata consulente in particolare nei seguenti ambiti: • Innovation management (definizione di: modelli di innovazione, strutture di Chief Innovation Officer, processi e strumenti a supporto dell’innovazione, metriche di monitoraggio, ecc); • sviluppo e lancio di community di innovatori (interne ed esterne); • innovazione nell’offerta di mercato e nel modello di relazione con i clienti • leadership e talent management; • teambuilding e teamwork; • gestione del cambiamento; • comunicazione interpersonale e public speaking.

Indicazioni per raggiungere con i mezzi pubblici la sede del Corso al Centro di Aggregazione Giovanile ANTROPOS IN VIALE GIORGIO MORANDI 98
 
* Metro A da Subaugusta

* Metro B da Ponte Mammolo

* Metro C da Gardenie

* Dal Centro: Tram 14 (parte da Termini)
Potete anche prendere il 5 (parte da Termini) o il 19 (parte da Piazza Risorgimento) e poi cambiare su Via Prenestina e prendere il 14


Una volta arrivati in Viale Giorgio Morandi 98, seguite le indicazioni per il Centro Culturale Giorgio Morandi, il Centro Antropos si trova 20 metri prima.
Troverete comunque dei cartelli che posizioneremo e che vi indicheranno il Centro Antropos

In cosa crediamo

Zeroviolenza
* legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne, e tra generazioni differenti mettendo al centro il valore dell'identità di ogni essere umano e la trasformazione dei vissuti delle persone di ogni gruppo, condizione sociale e provenienza geografica.

* promuove una coscienza civile che riconosce l'identità sessuale e culturale di uomini e donne, e la loro libertà di scelta sia negli ambienti familiari che in quelli sociali e politici.

* crede nella difesa del lavoro, della cultura, della salute, del cibo e delle risorse naturali come strumenti collettivi fondamentali nella prevenzione della violenza e nella gestione evolutiva dei conflitti personali e sociali.


Cosa facciamo

Zeroviolenza.it
* è un progetto di informazione indipendente che intende costruire una cultura della responsabilità nella relazione tra adulti e bambini, bambine e adolescenti, come chiave di lettura imprescindibile delle dinamiche e dei conflitti sociali. La prevenzione della violenza consiste anche nel creare le condizioni per una buona crescita, che consenta di divenire persone capaci di riconoscere la differenza come ricchezza nello scambio con l’altro.

* pubblica contenuti editoriali originali e una selezione delle principali notizie e fatti del giorno.
* organizza iniziative culturali e sociali sui temi di cui si occupa.

Zeroviolenza Onlus
* organizza Corsi nelle scuole in periferia a sostegno degli adulti che si occupano di bambini, bambine e adolescenti, passando dalla informazione alla formazione. Con l'obiettivo di aiutare la coppia genitoriale a riconoscere l’individualità dei propri figli e di rendere gli educatori più consapevoli delle necessità dell’infanzia e dell’adolescenza, come dei propri bisogni, dubbi e funzioni educative.
*organizza Corsi a sostegno degli adolescenti, ragazzi e ragazze, perchè sviluppino le loro migliori capacità personali e creative.
L’Associazione Antropos, animata da un gruppo di persone che hanno maturato l’impegno culturale, sociale e politico a seguito di anni di lavoro nel mondo della cooperazione e nelle comunità straniere e zingare di Roma, si costituisce nel mese di luglio del 1997 (si trasforma in Cooperativa Sociale il 29 Dicembre 2016) per agire con le fasce sociali più deboli emarginate e/o escluse socialmente, economicamente e culturalmente: minori e famiglie della periferia, detenuti/e ed ex-detenuti/e ex-tossicodipendenti, stranieri/e, zingari/e, contro tutte le ragioni economiche, politiche-partitiche, culturali, etniche, religiose e sociali che determinano la condizione di esclusione/emarginazione.

La Cooperativa persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale ed in particolare persegue i seguenti scopi:
● sostenere il valore del pluralismo rispettando motivazioni e scelte diverse. Ciò vuol dire non imporre il proprio modo di pensare, riconoscere la libertà di coscienza, non operare discriminazioni fra sessi, ideologie o confessioni.
● svolgere un ruolo attivo sul territorio anche attraverso l’attivazione di risorse locali. La Comunità Locale è quindi il luogo dove sperimentare un diverso modo di concepire e costruire politiche sociali più vicine alle reali esigenze/bisogni dei cittadini che in essa vivono.
Siamo ubicati e lavoriamo sul territorio del V Municipio (Ex VII) del Comune di Roma
    
LE RAGIONI DEL NOSTRO IMPEGNO
Sottrarre una fascia, la più ampia possibile, di soggetti dalle condizioni di negazione che scaturiscono, oltre che dal degrado economico famigliare, dal degrado urbanistico, ambientale e culturale nel quale siamo costretti a vivere nelle periferie metropolitane.

Oggi, tutti gli insediamenti di edilizia popolare condividono il dramma di una condizione di forte ghettizzazione economica, culturale e di intolleranza sociale, di contesti familiari degradati, dando origine a veri e propri nodi di malessere sociale che si connettono strettamente a comportamenti devianti o a condizioni di povertà sia economica che relazionale. In questi luoghi la realtà quotidiana di larghi strati di persone si carica di valenze negative, i fattori devianti insiti nelle condizioni di vita si potenziano, i minori risultano essere sovraesposti ad atteggiamenti discriminatori e devianti espressi dalla parte "adulta".
Questo fa sì che quanti vivono la mancanza di un lavoro, del diritto all'istruzione, del diritto alla socializzazione e partecipazione collettiva, non solo subiscano l'emarginazione-esclusione ma la riproducono verso chi nell'emarginazione-esclusione è debole, è diverso:
-    il bambino/a;
-    l'adolescente;
-    la donna;
-    lo straniero.

Le azioni da intraprendere ed intraprese vedono la necessaria complementarietà tra il binomio dell’approccio psico-pedagoco che incentra prevalentemente il lavoro sulle problematiche dell’individuo viste come dipendenti dalla sua libera scelta e l’educazione sociale-territoriale dove il disagio della persona è letto ed affrontato prevalentemente, come il prodotto di cause oggettive che ne condizionano e spesso pre-determinano le scelte soggettive.
Da qui l’azione messa in essere dall’associazione è il presupposto di un pensare per un’agire in termini di empowerment per costruire una comunità locale AGENTE quindi responsabile e partecipe.

Educazione territoriale-sociale come prospettiva d’azione finalizzata alla promozione di reali processi di cittadinanza attiva intesa non solo nelle sue implicazioni giuridiche ma soprattutto come reale ri-annodo del legame tra le persone che animano e vivono la comunità. Cittadinanza come spazio pubblico di apparizione, per dirla come Hannah Arendt, nel quale le persone possono rivelarsi attraverso la parola e l’agire e così facendo possano costruire rappresentazioni e significati condivisi sulla vita comune, sul mondo, prefigurandosi futuri comuni abitabili e narrabili tra le generazioni.
Crediamo che parlare con responsabilità progettuale di sviluppo sostenibile necessiti di un profondo lavoro sui valori/disvalori che guidano oggi le relazioni sociali, culture, etc.  Di più, crediamo sia necessario ricucire le maglie di un tessuto sociale sempre più sfilacciato e chiuso su un individualismo autoreferenziale.
Nodi sociali da sciogliere dunque, recuperando la carenza-assenza, nell'azione socio-politica, di cultura e di strumenti operativi adeguati a diffondere una informazione capace di generare condivisione e quindi prevenzione ancora prima che repressione-recupero.

Antropos cooperativa sociale onlus è presente nel territorio di Tor Sapienza dal 1998 con i seguenti principali servizi:
Progetto L 285 “Centro di aggregazione giovanile”;
Progetto “La Casetta delle Arti e dei Giochi” Ludoteca per bambine/i di 5/11 anni;
Servizio di assistenza domiciliare per minori e famiglie;
Progetto Spazio Neutro e Spazio Minori;
Progetto Di Mamma in Mamma in collaborazione con l’Ass.ne Pianoterra di Napoli;
Progetto 1000 giorni sempre con Ass.ne Pianoterra;
TorSapienzaFilmLab sempre con Ass.ne Pianoterra;
Punto luce Torre Maura con Save the Children;
Spazio Mamme Torre Maura con Save the Children.

Antropos Coop. Soc. O.N.L.U.S.
Sede Leg./Oper.Via Tranquillo Cremona, 22
Sede Oper. Viale G. Morandi, 98 - 00155 Roma
telf/fax 06-2251312  06/22755002
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.associazioneantroposonlus.it
Locandina Vuoi fare una radio?

*** *** *** *** *** *** *** ***
Adesivo "Vuoi fare una radio?"

*** *** *** *** *** *** *** ***

Banner "Vuoi fare una radio?"

*** *** *** *** *** *** *** ***



*** *** *** *** *** *** *** ***



*** *** *** *** *** *** *** ***




facebook