Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione. Per prestare il consenso all’uso dei cookies (leggi l'informativa) cliccare su "Accetta".
Zeroviolenza su Facebook 
Zeroviolenza su Twitter  
Canale Youtube di Zeroviolenza  
Zeroviolenza su Google PLus
mercoledì 24 ottobre 2018



"Le azioni umane adombrano sempre un certo fine, che può diventare inevitabile, se in quelle ci si ostina. Ma se vengono a mutare, muterà anche il fine".
Charles Dickens



Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza! CF 97524750581
Fake news
  • Il falso va più veloce e lontano del vero

    Vero FalsoSarantis Thanopulos, Il Manifesto
    20 ottobre 2018

    Tre ricercatori del MIT, Soroush Vosoughi, Deb Roy, Sinan Aral, hanno pubblicato il 9 Marzo 2018 su Science un lavoro: "La diffusione delle vere e delle false notizie online". Uno studio di circa 126.000 voci prodotte via Twitter dal 2006 al 2017 e diffuse da 3 milioni di persone per 4,5 milioni di volte. I risultati della ricerca mostrano che la falsità si diffonde molto più ampiamente, rapidamente e profondamente della verità...
    Commenta
Migranti
  • Noi, figli dell'Emigrazione italiana anni '60

    Migranti italianiGiovanni Di Paolo, Zeroviolenza
    6 ottobre 2018

    Ricordo l'emigrazione come un sogno. Spesso la sera mi vedevo entrare, parenti, amici di famiglia, vicini di casa, che ci venivano a salutare. Le frasi che mi sono rimaste impresse e ricordo ancora adesso con tanta tristezza: "Mari'... Umbe'" si chiamavano cosi i miei genitori "Maria e Umberto. Perdonatemi se vi ho fatto qualche torto…domani parto per l’Australia o America o Canadà", dipendeva dalla destinazione. ...
    Commenta
Migranti
  • Scusi, dov'è l'Albania occidentale?

    MigrantiAlex Langer, Il Manifesto
    30 agosto 2018

    16 marzo 1991, Alex Langer scriveva: "20.000 rifugiati albanesi sembrano mettere in crisi l’Italia e l’Europa. Fuggono da condizioni di vita insopportabili, ora sedotti e abbandonati anche dalle sirene occidentali della libertà". ...
    Commenta
Ambiente
Violenza
  • I sogni stesi lungo il selciato (Come potevamo cambiare il mondo)

    Van Gogh, VentoMonica Pepe
    16 novembre 2017

    Ascolta la recensione di Pagina 3

    Come un fiume in piena che nessuno sembra più poter fermare, le campagne di denuncia delle violenze sessuali sembrano travolgere tutto, e nessun ambito della vita pubblica, culturale e politica viene risparmiato. Lo spettacolo del “personale globale” è appena cominciato, è la nuova frontiera dell’esproprio dell’umano, una nuova e più avanzata forma di capitalismo emotivo. ...
    Commenta
L'Editoriale di Zeroviolenza
  • La variabile economica del fascismo

    Trionfo della morte e danza macabra a ClusoneMonica Pepe
    26 febbraio 2018

    Mentre infuria la campagna elettorale risale come un’onda che rifrange dal passato la questione della violenza politica. Singolare apparizione in un contesto come quello attuale in cui la pratica della politica come arte della discussione tra le persone e la restituzione di senso della propria esperienza come essere umano nei rapporti sociali su larga scala, non è praticata da lungo tempo per una serie di fattori, economici in particolare. ...
    Commenta
No Future
Cucchi
  • Il calvario di Cucchi e lo stigma sulla droga

    Droga stigmaFranco Corleone, Il Manifesto
    17 ottobre 2018

    La morte di Stefano Cucchi sgomenta ancora più dopo la confessione di uno dei cinque carabinieri imputati per il pestaggio avvenuto la notte del fermo. Dalle parole del militare, traspare infatti il carico di inaudita violenza esercitata verso una persona fragile dal punto di vista psicologico e esile dal punto di vista fisico: Stefano Cucchi aveva la passione per la boxe ma pesava solo 43 chili (al momento del decesso si era ridotto a 37 chili). ...
    Commenta
Bambini
  • Violenza sui minori, aumentano le vittime in Italia: più della metà sono bambine

    bambini violenza bambineChiara Nardinocchi, La Repubblica
    10 ottobre 2018

    Negli ultimi 10 anni i minori vittima di violenza sono aumentati del 43%. Un numero che preoccupa e che mostra tutta il lavoro che c'è da fare per arginare i reati contro i più vulnerabili. Il dato più allarmante è quello legato alla pedopornografia: nel 2017 gli arresti per detenzione di materiale pedopornografico sono aumentati del 57%.
    È questo quanto risulta dal settimo dossier della campagna Indifesa di Terre des Hommes che mira ad accendere i riflettori sui diritti negati dei più piccoli. ...
    Commenta
Scuola
Repressione
  • La pistola che fa la contenzione perfetta

    Dalì AscePiero Cipriano, A-Rivista Anarchica
    8 settembre 2018

    Quando Andrea Soldi nel 2015 fu preso da psichiatra e infermieri per essere sottoposto a TSO, visto che non voleva fare il depot (farmaco "deposito", che si inietta una volta al mese) e per smuoverlo da una panchina di Torino gli fecero la strozzina e lo misero prono, si disse che era morto per "sindrome da delirio eccitato". ...
    Commenta
Carcere
  • Trans si suicida in carcere. La situazione delle detenute trans in Italia

    Carcere Diritti TransGayPost.it
    3 agosto 2018

    Sale a 33 il numero dei suicidi avvenuti in carcere da inizio anno. La scorsa settimana una trans di trentatré anni si è tolta la vita nel carcere maschile di Udine. Non era la prima volta che veniva rinchiusa lì, nella Casa Circondariale di via Spalato: era rientrata da poche ore quando è stata trovata ormai priva di vita nel bagno della sua cella. ...
    Commenta
Salute Mentale
  • 40 anni di Legge Basaglia, 20 milioni di italiani curati fuori dai manicomi

    ManicomiMaria Giovanna Faiella, Corriere della Sera
    10 maggio 2018

    Ogni anno circa 800mila italiani sono assistiti nei Dipartimenti di salute mentale, significa che circa venti milioni di persone, in quarant’anni, sono state curate e seguite senza essere rinchiuse nei manicomi.
    È la stima degli esperti della Società italiana di psichiatria (Sip), in occasione dei quarant’anni di vita della legge 180. ...
    Commenta
Formazione Giornalisti
  • Media e identità di genere: l'informazione che non discrimina

    L'informazione che non discriminaCome si forma il pregiudizio? Il politicamente corretto ci mette al riparo dai nostri pregiudizi? Che ruolo gioca il linguaggio all'interno della professione del giornalista? Come conquistare una posizione di neutralità rispetto ai fatti di cui dobbiamo parlare? Come funziona il processo di crescita di un individuo e come si costruisce l'identità di genere?

    Questi e altri i temi che saranno discussi all’interno di un ampio programma di incontri realizzati dal Corso “MEDIA E IDENTITA’ DI GENERE: L’INFORMAZIONE CHE NON DISCRIMINA”. L’iniziativa è a cura di  Zeroviolenza Onlus e di Associazione Stampa Romana, con la partecipazione di professionsite dell'Associazione Italiana di Psicoanalisi (AIPsi) ed è realizzata grazie a un Bando Unar - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali.

    Martedì 13 novembre 2018, 9.30-14.30
    Aula 5-Università della Tuscia

    Via Sabotino, 18
    Viterbo

    Interventi
    * Geni Valle
    , medico, neuropsichiatra infantile, psicoanalista Aipsi - Associazione Italiana di Psicoanalisi
    * Simona Di Segni
    , psicoanalista Aipsi - Associazione Italiana di Psicoanalisi
    * Monica Pepe
    , giornalista Zeroviolenza Onlus
    * Tiziana Barrucci
    , giornalista Associazione Stampa Romana
    ...
    Commenta
Tweets @ZeroViolenza


Sostieni
Appuntamenti
eventi@zeroviolenza.it


Ultimi articoli
Articoli più letti
  • 8x1000 Tavola Valdese
  • Pagina 3 Radio Tre
  • Associazione Italiana di Psicoanalisi
  • Unar

  • EIGE