Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione. Per prestare il consenso all’uso dei cookies (leggi l'informativa) cliccare su "Accetta".
Zeroviolenza su Facebook 
Zeroviolenza su Twitter  
Canale Youtube di Zeroviolenza  
Zeroviolenza su Google PLus
sabato 15 dicembre 2018



"L'altrove è uno specchio in negativo. Il viaggiatore riconosce il poco che è suo, scoprendo il molto che non ha avuto e che non avrà".
Marco Polo



Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza! CF 97524750581

Il Laboratorio (6)

Olivier Malcor, Parteciparte
24 luglio 2013

Lavorare con gli "stupratori occasionali" presenta diverse difficoltà. Una delle principali è la negazione del reato. Si considerano quasi tutti innocenti e vittime di un fraintendimento o di un complotto: "è stato un bacio mal interpretato", "il carabiniere dall'animo poetico ha romanzato la dichiarazione della donna" etc.
a cura di Roberta Paoletti e Federica Castelli
27 settembre 2011

La riflessione sulla sessualità nasce da un desiderio di rimettere in circolo tra di noi un sapere sul corpo e sulla sessualità stessa che fosse fatto delle nostre esperienze. Abbiamo sentito la necessità di riprendere il discorso, allontanandoci dal già detto ogni qual volta questo non avesse riscontro nelle nostre vite. E' per questo che siamo tornate su un argomento su cui il femminismo ha detto molto, ha fatto molto, ma che negli ultimi anni era lentamente andato sottotraccia.
di Teresa Di Martino
11 ottobre 2011

Lo scambio con altre e altri – nato nel percorso intrapreso nell'esperienza di Diversamente Occupate nel 2010* – ha confermato quello a cui noi avevamo provato, con i due numeri di Dwf Diversamente Occupate e Lavoro. Se e solo se, a dare parola. L'impossibilità di ridurre la questione del lavoro al dibattito sulla precarietà, ad un problema generazionale, all'assenza di prospettive di stabilizzazione esistenziale, occupazionale ed economica. Allo stesso modo è diventata sempre più evidente l'impossibilità di porre come dimensione entro cui collocare le nostre lotte qualsiasi disegno di riforma che lasciasse inalterata l'attuale concezione della vita produttiva, dei corpi asserviti alla produzione e al consumo, in una disponibilità permanente che ci priva, al contempo, della dimensione del comune.
Dal 29 agosto al 4 settembre
Centro Ecumene - Velletri

Be free invita ad iscriversi alla Scuola estiva di politica delle donne che si terrà a Velletri dal 29 agosto al 4 settembre 2011, presso il centro Ecumene.
Il tema conduttore attorno al quale sono organizzate le conferenze e i laboratori interattivi è il corpo, nella storia, nella filosofia, nel contesto migratorio, nelle diverse declinazioni della sessualità.
La scuola ha il patrocinio della Facoltà di Scienze della Formazione, dipartimento di Filosofia dell’Università Roma Tre, dell'Osservatorio Interuniversitario di Genere, dell'Assessorato alle Politiche culturali della Provincia di Roma.

PROGRAMMA
COMUNICATO E COSTI
MODULO DI ISCRIZIONE

di Diversamente Occupate
11 ottobre 2011

Riassumere il senso di un Curriculum collettivo è un’impresa molto ambiziosa. Nel panorama lavorativo che ci troviamo ad affrontare quotidianamente il mettere a disposizione le nostre competenze è solo una parte di ciò che ci viene richiesto. Quello su cui contano di più, è evidente, sono le nostre vite, intere, consistenti, messe a lavoro.
di Claudio Tognonato

L’idea di creare un laboratorio di violenza di genere nasce sette anni fa dal confronto con alcune compagne dell’associazione Differenza Donna. Sappiamo che la violenza maschile è la principale causa di sofferenza e morte per le donne nel mondo. In Italia l’indagine ISTAT 2007, in convenzione con il Ministero per i Diritti e le Pari Opportunità, ha rilevato che 6.743.000 (il 31,58%) delle donne italiane tra i 16 e i 70 anni sono state vittime di violenza fisica o sessuale nel corso della loro vita.