Domande sul cambiamento

Etichettato sotto
Bianca Maria Pomeranzi, Zeroviolenzadonne
18 aprile 2013

Qualche mese fa a Paestum tra singole femministe e gruppi discutemmo della rivoluzione "necessaria" dove l’azione politica non si esaurisse nella "presenza" di donne nelle liste e nelle istituzioni, ma producesse  una svolta significativa nei modi e nelle forme del vivere. ...

Il punto comune di partenza era la considerazione che il campo della politica, non fosse esclusivamente quello istituzionale, ma una presenza attiva nello spazio pubblico. In molte c’era la consapevolezza  di doversi misurare  con i problemi di venti anni di egemonia mediatica e comportamentale del berlusconismo in Italia e di più di trenta anni di neoliberismo nel mondo che “ostruiscono”  la visione del futuro e impediscono di dare valore alla produzione di pratiche “alternative” di vita.

A distanza di qualche mese, la confusa scena politico-mediatica ci restituisce invece un  presente  dove l’uso,  ormai “pervasivo”, della “crisi”  istituzionale e economica, che tocca da vicino le vite di tutte e di tutti,  tende a  “annichilire” le volontà individuali e collettive o ridurle a frantumate  marginalità. Soprattutto, una scena in cui ci si affanna a includere figure femminili per “neutralizzare” soggettività collettive e per perpetuare il dominio maschile nello spazio pubblico che continua a  decidere soggetti , tempi e modi del “cambiamento”.

Un “cambiamento”, non meglio qualificato, in cui la possibilità di “agire” politico sembrano ristrette a chi sale  “alla ribalta” con qualunque mezzo, urlando sulle “macerie” di un complicato passaggio d’epoca . Macerie di cui nessuno sa veramente parlare perché richiedono uno spostamento del discorso pubblico dalle “personalità” alle persone. Sembra così più facile, anche a sinistra, arrancare dietro al “nuovismo” con gesti mediatici di corto respiro, piuttosto che mettere mano alle questioni che interrogano la natura del “cambiamento”, la sua evoluzione, i possibili esiti.

E’ probabilmente nell’esperienza di molte la sensazione che nella grande agitazione di questo momento si stia negando la possibilità di esercitare un conflitto sul  cambiamento che viene proposto. Non è questo che intendevamo, perché non costruisce libertà e non cambia l’immaginario.

Invece il conflitto, in particolare quello su sesso e potere rimane, specialmente oggi in Italia, una pratica essenziale di cambiamento. L’immanenza di Berlusconi si spiega anche, e forse soprattutto,  sul tacito accordo bipartisan delle “donne a disposizione” nei vari  stereotipi di  “ammortizzatori  sociali”, di risorse sessuali  e per ultimo di riserve della politica contro le derive della “casta”. Insomma un riduzionismo pericoloso e ingannevole che rinnova l’esclusione della libertà delle donne dal discorso pubblico, soprattutto di quel femminismo “eccentrico” che continua ad esercitare  il diritto di critica e di spostamento del campo della politica.

E’ inevitabile dunque, porsi alcune domande su quello che sta accadendo e leggere con questa “misura” quello che il circuito politico-mediatico ci propone e quello che occulta.

Anche se la percentuale delle donne in Parlamento è cresciuta e se le dichiarazioni sul femminicidio e i diritti delle coppie di fatto si sono sprecati in campagna elettorale, il “sistema” rimane ancorato al leaderismo della rappresentanza e della rappresentazione di pochi uomini che, anche nelle accelerazioni del “nuovo”, ignorano la sfida di una rivoluzione possibile.

Il “Gruppo del mercoledì”, che con la “cura del vivere” aveva proposto un paradigma relazionale non più limitato al destino biologico delle donne, ma come modo di fare e trasformare politica, con l’incontro del 20 Aprile vuole interrogare l’attualità e sottrarre all’isolamento il disagio del presente.

Un’occasione per riconsiderare l’efficacia delle nostre pratiche mettendo insieme saperi e soggettività e riprendere a parlare, fuori dagli schemi decisi da altri.
Tutto questo riguarda quelle che sono venute a  Paestum, ma non solo.

INVITO
Sabato 20 aprile, dalle ore 10,30 alle ore 16
Casa Internazionale delle donne, Sala Carla Lonzi
Via della Lungara, 19 - Roma
 
Domande sul presente
La politica è scena di un veloce avvicendamento di personaggi e soggetti collettivi . Molte storie si chiudono, nuove se ne aprono.

Sull’onda della crisi, il rinnovamento, forse troppo a lungo rimandato, si sta imponendo con aggressività al perdurare, se pure declinante, di vecchie liturgie. Come interpretare ciò che accade? Qual è il segno di questa “nuova” politica? E’ un cambiamento profondo o soltanto la punta dell’iceberg della disperazione e del disagio sociale?

Il Gruppo del mercoledì, pur consapevole di avere contribuito, con il suo lavoro su Il coraggio di finire e la Cura del vivere, a mettere in circolazione pensieri e parole utili a una trasformazione della politica, ritiene che sia molto difficile cogliere il senso dei movimenti profondi che stanno velocemente emergendo.

Proprio per questo riteniamo necessario un incontro per discutere, per approfondire quello che succede. Vogliamo mettere in comune preoccupazioni, dubbi, speranze, ma anche verificare quanto del “Primum Vivere” femminista che abbiamo nominato a Paestum nell’ottobre dello scorso anno si è trasferito o si sta trasferendo nella confusa scena del presente.
Gruppo del mercoledì

L’invito è rivolto a donne e uomini, a chi ha interesse a pensare insieme sul presente

Ultima modifica il Giovedì, 18 Aprile 2013 14:53
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook