×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 407

Le negano lo stage perché non rinuncia al velo: "Mi hanno discriminata"

Letto 2137 volte
Etichettato sotto

La Repubblica
28 04 2014

Una ragazza 17enne che studia all'alberghiero rifiutata da un hotel della Riviera; il direttore: "Non accettiamo nemmeno i piercing". "Mi hanno detto di toglierlo, ho risposto di no"

RIMINI - A una ragazza che studia in un istituto alberghiero è stato rifiutato uno stage in un hotel di Cattolica perché la giovane indossa il velo. La denuncia arriva da un blogger e dai giornali romagnoli. Alla studentessa la direzione dell'albergo ha posto un aut aut: rinunciare al velo durante le tre settimane di stage perché "gli stagisti si devono comportare e vestire in un certo modo". La giovane ha risposto con un secco diniego: "Mi hanno discriminata ancora prima di vedere le mie capacità e competenze solo per un foulard che è segno irrinunciabile della mia fede e identità culturale".

Lo stage in albergo non si è fatto, dunque, e la giovane ha dovuto ripiegare su un tirocinio in un Municipio della zona, esperienza che però non ha nulla a che fare col suo percorso di studi.

Intervistato dai media locali, il direttore dell'albergo ha provato a giustificarsi così: la ragazza non poteva indossare il velo "così come non accettiamo piercing, orecchini particolarmente vistosi, capigliature stravaganti. Il nostro regolamento è chiaro, la religione non c'entra nulla. Il nostro compito è fare accoglienza. Un cappuccino servito con un sorriso è più buono, con un velo il sorriso non si vede". Critico il presidente regionale di Federalberghi, Sandro Giorgetti: "E' un errore impedire a questa ragazza di svolgere lo stage, i colleghi hanno sbagliato".

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook