Così il lavoro degli storici ha misurato il male assoluto

Giornata della memoriaUmberto Gentiloni, La Stampa 
27 gennaio 2015

"Eravamo in silenzio, muti e immobili", ricorda Piero Terracina, che era nel lager dal maggio 1944. "Ho bene in mente l'incontro con un soldato russo. Era solo, in un piccolo vialetto, coperto da un grande cappotto chiaro. Mi fece un cenno e un sorriso. Ma nessuno aveva voglia di festeggiare o gioire. Eravamo in piedi a fatica, avevamo perso tutto e tutti." ...

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook