Deviazioni strategiche nella interpretazione della femminilità

Carole LombardFranco Lolli, Il Manifesto
19 luglio 2015

L'opinione che la perversione coincida con la presenza di comportamenti cosiddetti "aberranti" è il frutto di un pregiudizio diffuso e di un radicato malinteso culturale che ha ingiustificatamente individuato nel perverso un soggetto compulsivamente dedito a pratiche sessuali devianti e moralmente riprovevoli: non che tutto ciò sia escluso. ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook