"Ma l'Europa dov'era quando a morire erano in migliaia?"

La foto del bambino siriano "è un atto d'accusa verso la nostra classe politica", dice Peter Sutherland, inviato speciale delle Nazioni Unite per l'immigrazione. Sutherland ce l'ha con chi per anni ha ignorato la tragedia siriana, pensando a chiudere i confini invece di accogliere. 
Gianluca Paolucci, La Stampa ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook