Vecchi fantasmi e nuovi raid a Rosarno

Il Manifesto
29 dicembre 2015

Reportage. Malgrado gli annunci del governo Renzi, gli "invisibili" lavoratori immigrati sfruttati nella raccolta degli agrumi sono sempre lì, nelle loro baracche invivibili, in balìa dei caporali e delle aggressioni xenofobe.

Di notte, approfittando del silenzio e dell’illuminazione fantasma. La tendopoli quasi non si vede. Scompare la luce. C’è una strada in terra battuta, i marciapiedi sberciati, nessun cartello. Gli agguati si sono consumati in questo fazzoletto di terra dove vivono gli “invisibili” più noti d’Italia, eppur ignoti al Viminale che continua a far finta di nulla. ...

Silvio Messinetti

Altro in questa categoria: Se si trivella la storia »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook