×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 404

20 maggio 2012

Manifestazione il 23 maggio alla Regione Lazio - Via della Pisana alle ore 11
 
Mentre preparava la marcia pro-life di Roma insieme ai peggiori movimenti nazifascisti e machisti della capitale, con il sindaco Alemanno in testa e benedetta dalle alte gerarchie vaticane, per criminalizzare le donne romane, la consigliera di PER capogruppo di se stessa, ha presentato due emendamenti alla proposta di legge regionale sui servizi sociali.
di Ambra Murè, Paese Sera
20 novembre 2012 
 
A Roma oggi ci sono 50 consultori. Per legge, dovrebbero essere 140, uno ogni 20 abitanti. Invece di aprirne di nuovi, le Asl chiudono quelli esistenti. Dal I all’VIII Municipio. Allarme rientrato a via Manfredonia. Pina Adorno: “Unica buona notizia l’apertura di un consultorio alla Garbatella”  

OBIEZIONE DI COSCIENZA IN ITALIA

Proposte giuridiche a garanzia della piena applicazione della legge 194 sull’aborto

Martedì 22 maggio, ore 09.00
Biblioteca del Senato della Repubblica - Sala Capitolare
Piazza della Minerva, 38 - Roma

Il convengo, promosso da AIED (Associazione Italiana per l’Educazione Demografica) e dall’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, ha come obiettivo quello di presentare al governo e alle regioni delle proposte giuridiche per far sì che il diritto dei medici ad obiettare e il diritto delle donne ad interrompere la gravidanza possano essere equamente garantiti.
Leggi la presentazione del convegno.
di Pina Adorno e Maria Marcelli, Consulta Consultori Roma
30 agosto 2012

Sappiamo tutti che il momento che stiamo vivendo non consente di sprecare le risorse ormai estremamente limitate di cui disponiamo, e sappiamo anche che per affrontare i serissimi problemi che la società del 2000 ha di fronte è necessario dotarsi di un piano globale che ottimizzi  le risorse e metta in sinergia le linee di intervento già in atto o da implementare nei diversi settori.

Quando tutti i medici sono obiettori di coscienza

  • Giovedì, 24 Maggio 2012 00:00 ,
  • Pubblicato in L'Opinione
di Adriano Sofri, La Repubblica
24 maggio 2012

"E' successo a Napoli, a marzo: un ginecologo del Policlinico Federico II è morto, investito sulle strisce, e per due settimane non si sono fatte interruzioni di gravidanza", racconta Giovanna Scassellati. A stare ai numeri dell'obiezione di coscienza, l'Italia è più rigorosa della Ginevra di Calvino.

 

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)