kuka

kuka

o


Zeroviolenza
10 agosto 2020

Eccoci qui. Dopo 4 mesi di lontananza abbiamo finalmente riaperto la nostra sede, il Centro di Aggregazione Giovanile Antropos. Ma i nostri microfoni non si sono mai spenti (ascolta la quinta puntata).
In che modo il lockdown ha influenzato la vita dei giovani cittadini e di coloro si impegnano nelle organizzazioni no profit?
Lo abbiamo chiesto a Manuela Vinay, responsabile dell'Otto per Mille della Tavola Valdese, che spiega in quale modo vengano finanziati i progetti che rispondono al bando e come siano cambiati nel corso di questo periodo.
Questa puntata vuole essere il riavvio di un percorso appassionato e inatteso. Quindi, alzate il volume e gridate con noi: "Noi ci siamo!".

Etichettato sotto


Sarantis Thanopulos, Il Manifesto

25 luglio 2020

Erdogan, esponente di punta della “democrazia illiberale” (sempre meno democrazia e sempre più illiberale), detto “sultano” per la deriva autoritaria in cui sta trascinando il suo paese e per le sue ambizioni “geopolitiche”, ha deciso, di punto in bianco, di riportare Santa Sofia alla sua funzione religiosa.

Etichettato sotto


Massimo Franchi, Il Manifesto

4 luglio 2020

Più povera, ma più coesa. L’Italia post lockdown è un paese scioccato dalla pandemia con le pesanti conseguenze economiche che hanno però risvegliato il senso civico e solidale in buona parte della popolazione. È il quadro che esce dal Rapporto Annuale 2020 dell’Istat che quest’anno per evidenti motivi ha dovuto aumentare le ricerche e il risalto al primo semestre dell’anno in corso, lasciando sullo sfondo l’anno passato.

Etichettato sotto


Luca Carra, Internazionale (Scienza in rete)

26 maggio 2020

In Italia si muore sempre meno di covid. Il 25 maggio la protezione civile ha segnalato 92 decessi di cui 34 in Lombardia. Il giorno prima erano cinquanta, e zero in Lombardia. Ma se i morti sono sempre meno, possiamo sperare che anche in presenza di una ripresa delle infezioni la mortalità resti contenuta? Non potrebbe darsi il caso che, come accaduto fin dall’inizio in Germania, alla crescita degli infetti corrisponda una linea solo in leggera salita dei morti, quindi uno scenario diverso e per molti versi tranquillizzante? O ci stiamo illudendo?

Etichettato sotto

facebook