Putin contro le nozze gay in Francia. "Rivedremo gli accordi di adozione"

Etichettato sotto
Corriere.it
26 04 2013

In Russia l'omosessualità era reato fino al 1993.

Niente più bambini russi in adozione alle famiglie francesi dopo l'approvazione a Parigi della legge sulle nozze gay. È la minaccia del leader del Cremlino Putin, secondo quanto riferiscono agenzie di stampa russe.

LA LEGGE OMOFOBA-«Dobbiamo reagire a quello che succede vicino a noi, rispettiamo i nostri vicini ma chiediamo il rispetto verso le nostre tradizioni culturali, etiche, legislative e verso le nostre norme morali» ha detto l'ex agente del Kgb. Che recentemente ha fatto approvare una legge fortemente repressiva contro i gay e la loro "propaganda omosessuale". Del resto fino al 1993 in Russia l'omosessualità era considerata un reato e prim'ancora una malattia mentale. L'annuncio di Putin segue un altro provvedimento repressivo: quello del divieto di adozione di bambini russi negli Stati Uniti. Approvato come ritorsione alle sanzioni americane nei confronti di 18 cittadini della Federazione accusati di violazione dei diritti umani e sospettati di aver avuto un ruolo nella morte in carcere dell'avvocato Serghiei Magnitski.
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook