Parlano le schiave yazide di Al Baghdadi . "Lui e le mogli ci picchiavano con i tubi"

Letto 2304 volte
Etichettato sotto
Corriere della Sera
12 10 2015

"Era alto, con gli occhi neri, e calvo sulle tempie. Indossava una lunga tunica bianca e una sciarpa nera sulla testa. È arrivato con suo figlio, un ragazzo sui 14 anni, e con un amico di nome Mansur. Ha preso nove di noi e ci ha portate a casa sua a Raqqa. Ha detto di chiamarsi Abu Khaled, ma era Abu Baia al Baghdadi, l'ho riconosciuto dalle foto". ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook