×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 407

Ecatombe sulla costa libica

Forse 200 morti nel naufragio di un barcone a Zuwara, sulla costa libica. Gli abitanti inscenano una protesta contro i trafficanti.
Rachele Gonnelli, Il Manifesto ...
La Stampa
22 07 2015

Ci sono 900 corpi che giacciono a 375 metri di profondità, a 85 miglia al largo della Libia. Sono i corpi dei migranti morti il 18 aprile scorso, quando un peschereccio caricato all'inverosimile si è inabissato nel Mediterraneo. Solo 28 persone sono sopravvissute. Per le altre, compresi 50 bambini e 200 donne, non c'è stato nulla da fare: i migranti erano quasi tutti chiusi a chiave nella stiva. Il governo italiano ha promesso che la nave verrà riportata in superficie, in modo che quei morti "pesino sulle coscienze europee". Non dovranno essere più numeri, ma persone con nome e cognome, magari un volto, una foto. ...

Giordano Stabile

"La loro morte è un affare"

  • Venerdì, 29 Maggio 2015 14:16 ,
  • Pubblicato in Flash news

l'Espresso
29 05 2015

Anche la loro morte è un affare. Di più: è un investimento che alla lunga può fruttare moltissimo.

Ogni strage catalizza l'attenzione dei media e si trasforma in un sanguinosa monito all'Europa: schierate le vostre navi per soccorrerli o altri affogheranno.

Quei disperati che si aggrappano alla prua del barcone, che lottano per non essere inghiottiti dall'abisso, vengono usati come un terribile richiamo per il mondo occidentale. ...

Tragedia immigrati centinaia di morti al largo di Tripoli

  • Lunedì, 15 Settembre 2014 08:09 ,
  • Pubblicato in Flash news

La Repubblica
15 09 2014

Un altro barcone della speranza diventato strumento di morte. Un nuovo caso di barcone affondato allargo delle coste libiche, ed è toccato alla Marina di Tripoli dare l'annuncio e le dimensioni della drammatica vicenda: a bordo c'erano duecentocinquanta persone e - sono le stesse autorità ad ammetterlo - sono riuscite a salvarsi soltanto in ventisei. ...

Libia nel caos: l'aeroporto di Tripoli è finito in mano agli islamisti, mentre, secondo la tv al Arabiya, il ministro della Difesa sarebbe stato licenziato con l'accusa di "aver fornito armi a milizie irregolari". E i migranti provano a fuggire. Sono circa 170, provenienti dal sub-Sahara e dal Como d'Africa, i dispersi a largo delle coste libiche. ...

facebook