Terra dei Fuochi, la discarica sotterranea più grande d'europa

  • Mercoledì, 17 Giugno 2015 07:48 ,
  • Pubblicato in Flash news

La Repubblica
17 06 2015

Il ministro dell'Ambiente convoca una riunione urgente per Calvi Risorta, bomba ecologica su 25 ettari nel Casertano. Don Patricello: "La gente continua a morire di tumore"

Il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti convoca per il 17 giugno al ministero una riunione urgente sulla discarica di rifiuti che sta emergendo nell'area ex Pozzi di Calvi risorta nell'alto Casertano. Sono stati convocati il Corpo Forestale dello Stato, il comando carabinieri per la tutela dell'ambiente e le strutture tecniche del dicastero. Galletti ha già incaricato il Corpo Forestale e carabinieri di "compiere immediate e dettagliate verifiche sull'inquinamento ambientale delle aree interessate".

La discarica: Calvi Risolta, la discarica sotterranea più grande d'Europa: 25 ettari e un volume di 2 milioni di metri cubi di rifiuti. Una bomba ecologica. Rifiuti industriali su cui nessuno può esprimersi, che potrebbero anche venire seppelliti di nuovo se risultassero non pericolosi. Rifiuti che peraltro sarebbero stati sepolti fino a tempi recenti. Al terzo giorno di scavi nell'area ex Pozzi di Calvi Risorta (Caserta) continuano a emergere rifiuti speciali dal terreno dell'area industriale dismessa ormai da 30 anni: fanghi industriali, bustoni di 25 chili contenenti una volta sostanze chimiche tossiche prodotte da aziende francesi, altri fusti deteriorati con tracce di solventi e vernici.

L'inchiesta. L'indagine della Forestale, partita circa un anno fa in seguito alla denuncia di due giornalisti del posto, ipotizza il reato di disastro ambientale; sono oltre dieci le persone, in particolare proprietari dei terreni, iscritti nel registro degli indagati. Tra il materiale riportato alla luce sarebbe stata trovata la prova che alcune aziende di vernici avrebbero interrato illecitamente i rifiuti. La procura di Santa Maria Capua Vetere, che ha disposto gli scavi, invita alla prudenza: "Il materiale è in fase di campionamento - si legge in una nota - solo all'esito delle analisi si potrà valutare l'effettiva natura dei rifiuti e quindi la loro eventuale potenzialità dannosa".

Ambiente-Satirical-Art-Pawel-KuczynskiMarica Di Pierri, Huffington Post
22 giugno 2015

Tanto tuonò che piovve. Dopo oltre venti anni di vana attesa e mesi di traversie parlamentari, la legge parlamentare sugli Ecoreati è stata definitivamente approvata dal Senato. Successivamente alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il provvedimento entrerà in vigore tra le due settimane di "vacatio legis" previste per l'iter ordinario. La totale mancanza nel nostro ordinamento di strumenti penali per sanzionare le condotte delittuose relative alla contaminazione ambientale rende, in ogni caso, una novità positiva l'introduzione di reati ambientali nel codice penale.
Il quadro che emerge è quello di una società che sembra aver progressivamente perso il senso di un orizzonte comune, dove ciascuno agisce per sé e dove la vocazione solidale pare dissolversi un individualismo ipertrofico che tiene sempre meno conto del prossimo. ...

facebook