"In Vaticano c'è una lobby gay". Così il Papa ai vertici dei religiosi latino-americani. Francesco ha poi lanciato l'allarme corruzione: "Pietro non aveva conti in banca".  "Nella Curia c'è gente santa, davvero", ma c'è anche una "corrente di corruzione. ...

Un mondo con le gonne, tutto maschile

  • Mercoledì, 13 Marzo 2013 08:32 ,
  • Pubblicato in ZeroViolenza
Barbara Mapelli, Zeroviolenzadonne
13 marzo 2013

Colpisce in questi giorni, in televisione e sui giornali, lo spettacolo sontuoso della coreografia organizzata intorno all'elezione del Pontefice. Il sapiente dosaggio tra cardinali leggermente trasgressivi o umanizzati dal fatto di andare in bicicletta o passeggiare semplicemente per strada e una ufficialità fastosa, accecante, ...

Preti pedofili: il diavolo a Savona

  • Lunedì, 11 Marzo 2013 11:08 ,
  • Pubblicato in L'Inchiesta
La Repubblica
11 marzo 2013

* Pedofilia, soldi, potere e omissioni. La tragedia della diocesi ligure ...
* "So troppe cose, dovevo essere fatto fuori" ...
* Un'altra storia di preti molestatori coperti. Don Lupino: "Adesso dicano la verità" ...
* Così un prete pedofilo trova rifugio dal vescovo ...
* Decenni di abusi coperti dalla Chiesa ...

Women and the Conclave. Interview with Marinella Perroni

  • Martedì, 05 Marzo 2013 13:09 ,
  • Pubblicato in INGENERE
Ingenere.it
05 03 2013

Interview with Marinella Perroni, theologian. “What the carefully staged resignment of Benedict XVI has shown is that everything can change. But for change to actually happen, the Church would have to welcome the female point of view. Something that goes well beyond the ordination of women”.

It’s been two years since theologian Marinella Perroni – former president of the Coordinamento Teologhe Italiane and professor at the S. Anselmo University of Rome – has chosen “Todo cambia” as a ringtone for her mobile (i.e. a song made famous by Nanni Moretti’s 2011 “prophetic” film Habemus Papam). And after Pope Benedict’s resignment she has often pointed out that: “The Church needs great changes”. Changes that basically hinge on the issue of women within the Church. Professor Perroni, one of the most important voices of “gender theology”, believes this goes well beyond both the ordination of women and their more prominent role in the hierarchies.

What has been and what will be the role of women in changing the Church?
Nowadays whenever the word “reform” is used within the Church – both on the grassroots level and on a global scale – the issue of woman’s role in the Church and her point of view is front and center. Just think of the Austrian priests’ widespread call for disobedience (v. Pfarrer-Initiative). And of the worldwide demand for a reform of the Church called for by theologians and believers right after Pope Benedict’s resignment. Asking for some clear turning points: collegiality, the role of women, homosexuality and bioethics. All of these are requests that the Church will have to face, but nobody can tell whether the Church will come to accept them. Millenary-old as it is, the Catholic Church doesn’t walk in a straight line, so it can move forward, as well as simply go back to the past.

Where in the world is this need for change more strongly felt?
Mostly in Europe and in Northern America. But not everybody is free to manifest it. Still, I don’t think the first thing to do is to ordinate women. First you would have to deeply reform the ministry of the Church.

What happened between the resignment of Benedict XVI and his flight toward Castel Gandolfo?
Those 19 days were impressive to behold. The pope could’ve resigned and left straight away. Why would he wait? But in the meantime, something happened: the event itself, that would forever change the sacred nature of the Pope, was transformed by the prayers of the believers. And in turn influenced the gaze of the media. Through a cleverly conceived direction, the Vatican framed the event well, altering its colors, and shifting its common perception. From a state of shock to the hearfelt involvement in the story of an old man leaving for his final pilgrimage.

Was it the same for the prolonged sickness of John Paul II, whose weakness was turned into his strength?
Yes, but his story involved a more mystical aspect. Whereas in this case they had to convince the faihtful of something that would not be as easily accepted by the average belief in the intangibility of the Pope. A precedent was thus created: it happened, but the Church wasn’t destroyed in the process. And if this is possible, other great changes will be, too. But it all has to be done properly, and wisely, by the Church.

Do you believe this will signal the end of the patriarchy in the church?
It wasn’t an explosion, but there was a cut. One of many, perhaps the deepest: no more intangibility for the role of the pope, the embodiment of patriarchy. This, too, tells us that the patriarchy has been laid bare.

The pontificate of Benedict XVI wasn’t very welcoming toward women.
I concur. Let’s go back to his last two speeches. During the Christmas greetings to the Roman Curia he harshly criticized gender philosophy. And in occasion of the world day of peace he depicted homosexuals as enemies of peace itself. That’s why I say that asking for the ordination of women won’t be enough: the Church needs to embrace the basic tenets of gender philosophy. To change and move towards the comprehension of a humankind made of two genders, the revision of stereotypes, and the creation of a non segregated sexuality.

Wouldn’t you say that this process is already underway among the faithful?
I’d say that the catholics would find it more difficult to change their basic coordinates, than to accept the ordination of women. Still, yes, you could say the process is underway, thanks to leading issues like the the rights of the homosexuals. Single issues, though, lead to the bigger picture, which in turn allows for other single victories: what’s truly important is to begin the virtuous circle.

When white smoke will pour out of the chimney, what signs will tell us if the change is really happening?
First of all, you will have to look at the Pope’s origin. Not the ethnic one, neither the geographical one: you will have to look at the group he belongs to, at his background, at his résumé. At his biography, like women would love to put it.

Roberta Carlini

Vaticano, si dimette il cardinale O'Brien

Corriere della Sera
25 03 2013

Accuse di «comportamenti inappropriati», lascia la carica di arcivescovo. Nota: «Mi scuso con chi ho offeso»

Ha deciso di dimettersi da arcivescovo di St. Andrews e Edimburgo il cardinale scozzese Keith O'Brien, il più alto prelato cattolico nel Regno Unito che avrebbe dovuto partecipare al Conclave (il comunicato - pdf). Il Vaticano ha confermato che il Papa ha accettato la rinuncia «per raggiunti limiti di età». Il porporato britannico è accusato di «comportamento inappropriato» nei confronti di tre sacerdoti e di un quarto che in seguito aveva lasciato l'abito talare. I fatti risalgono agli anni 80, in un periodo in cui O'Brien era stato direttore spirituale del St.Andrews College e in seguito rettore del St.Mary's College.

CONCLAVE - O'Brien è nato il 17 marzo 1938, giorno di San Patrizio, a Ballycastle, nella Contea di Antrim, diocesi di Down and Connor, in Irlanda del Nord. È uno dei 117 cardinali elettori del Conclave, ma - come ha fatto sapere lui stesso in una nota nella quale chiede anche scusa a quanti ha offeso con il suo comportamento - non prenderà parte al Conclave in cui sarà eletto il successore di Benedetto XVI. «Chiedo la benedizione di Dio sui miei fratelli cardinali» che presto saranno a Roma per eleggere il nuovo Papa, «io non mi aggiungerò a loro di persona per questo Conclave. Non voglio che l'attenzione dei media a Roma sia concentrata su di me», si legge nella dichiarazione diffusa da O'Brien dopo che il Papa ha accettato le sue dimissioni da arcivescovo di St. Andrews e Edimburgo.

STAMPA - Sulla stampa, i sospetti di un nuovo scandalo alla vigilia del Conclave hanno avuto grande risalto, lunedì mattina, insieme all'ultima benedizione del Pontefice stanco. Dalla Gran Bretagna agli Usa, i media sottolineano l'applauso rivolto a Benedetto XVI da centomila fedeli durante l'ultimo Angelus, puntando tuttavia anche al caso del cardinale scozzese Keith O'Brien che potrebbe portare alla sua clamorosa esclusione dal Conclave.

COMPORTAMENTI INAPPROPRIATI - L'inglese The Guardian punta al caso del porporato britannico e titola «Il Papa considera di rispondere ai sospetti di "comportamenti inappropriati" su un cardinale britannico». Il Daily Mail evidenzia che l'alto prelato «potrebbe essere escluso dal Conclave» mentre lo Scotsman testa la reazione della diocesi e dei fedeli legati a O'Brien in un reportage dalla St.Mary's Cathedral di Edimburgo intitolato «Shock e accuse» e in cui si evidenzia come, al di là del supporto al cardinale, «un'ombra di angosciante silenzio» sia calata sulla chiesa durante la messa domenicale. Oltreoceano è soprattutto il «caso O'Brien» a rimbalzare sui principali quotidiani, dal New York Times al Washington Post, che in un altro articolo si è soffermato anche sui difficili rapporti con Pechino che attenderanno il successore e titola: «Il nuovo Papa porta speranza ai cattolici cinesi». Il Boston Globe titola infine «Il Vaticano aprirà un inchiesta sul cardinale britannico» mentre in Sud America «l'ultima benedizione del Pontefice stanco» rimbalza sui principali media, dalla Colombia all'Argentina.
 

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)