Eternit, “stavolta speriamo nella giustizia”

Etichettato sotto
La Stampa
12 05 2015

"Ora si deve ricominciare da capo": Bruno Pesce, dell’Afeva (Associazione familiari e vittime dell’amianto) di Casale parla all’inizio dell’udienza preliminare del procedimento Eternit bis, in cui la procura di Torino contesta al magnate svizzero Stephan Schmidheiny l’omicidio volontario per 258 casi di morti per amianto nelle zone dove c’erano gli stabilimenti italiani di Eternit. La nuova udienza preliminare arriva sei mesi dopo la sentenza della Cassazione che aveva dichiarato prescritto il reato di disastro doloso contestato nel primo processo (e nell’appello) celebrato sempre a Torino.

A Palazzo di giustizia, oggi, è arrivato un pullman di cittadini da Casale Monferrato che anche a questo processo portano sulle spalle una bandiera italiana con la scritta "Eternit: giustizia!" . Due le maxi aule messe a disposizione per l’udienza.

"Siamo qui con determinazione e con forza di volontà. Speriamo che questa volta la giustizia e il diritto possano coincidere". Lo ha detto il sindaco di Casale Monferrato, Titti Palazzetti, entrando a Palazzo di Giustizia. Il Comune di Casale, simbolo della lotta all’amianto, si costituirà parte civile così come altri Comuni della zona. "La nostra gente chiede solo giustizia. A Casale c’è ancora un morto alla settimana, ora speriamo emerga la verità".

Per ora solo quattro Comuni (quello di Casale Monferrato e altri limitrofi) hanno chiesto di costituirsi parte civile al processo Erernit bis per quanto riguarda le istituzioni. Nessuna richiesta di costituzione è stata ancora avanzata dallo Stato, dalle province e dalla Regione Piemonte. "Confidiamo che avanzino le richieste prossimamente, c’è ancora tempo", spiegano le associazioni vittime dell’amianto. All’udienza preliminare che si è aperta oggi, hanno chiesto di costituirsi parte civile i sindacati Cgil, Cisl e Uil e le associazioni Afeva, Aiea, Ona. Le richieste saranno discusse alla prossima udienza, giovedì.

Paola Italiano

 

Ultima modifica il Martedì, 12 Maggio 2015 13:40
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook