Sindaci "indignati", a Madrid e Barcellona governano le donne

Un lungo elenco di ringraziamenti quello di Ada Colau, nel giorno dell'elezione a sindaca di Barcellona. Ringrazia le autorità istituzionali e quelle "sociali, perché anche loro sono autorità", le donne della città, quelle che ne hanno fatto la storia e quelle anonime, lei prima donna alla guida del municipio. Rivendica le sue origini popolari, di figlia di migranti e quelle politiche, di militante di lotte collettive. Parla il linguaggio di un'altra politica per cui è "imprescindibile una nuova forma di governare che renda la gente protagonista", perché "mai più lasceremo il potere in mano ai soli governanti".
Elena Marisol Brandolini, Il Fatto Quotidiano ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook