Tra i dannati nella stazione di Budapest sotto i lacrimogeni

Al grido di "Germania, Germania" a migliaia hanno cercato di salire sui treni. Ma gli agenti di Orbàn sono stati inflessibili per fermare uomini, donne e bambini. In molti avevano regolari biglietti comprati con i sacrifici di una vita.
Andrea Tarquini, La Repubblica ...
Altro in questa categoria: Lavoro e Pil, sono solo "numerini" »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook