×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 404

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 407

CORRIERE DELLA SERA

di Thomas Bendinelli, Corriere della Sera
20 settembre 2012
 
Da un lato l'autostrada, dall'altro una delle strade periferiche a scorrimento veloce, quasi un prolungamento della tangenziale. In mezzo il campo rom di via Borgosatollo. Siamo nella periferia sud di Brescia. Da una settimana i bambini del campo, una settantina, sono costretti a raggiungere le rispettive scuole a piedi.
di Giuseppe Cucinotta, Corriere della Sera
20 settembre 2012
 
Dopo il trasloco a La Barbuta, 104 bambini e adolescenti costretti a lunghe trasferte. Integrazione a rischio. "Andavo a lezione a piedi, ora non parlo più coi compagni".
Per Alessandra la sveglia suona molto prima rispetto agli altri quindicenni di Roma. Alle 6 e 30, fra sbadigli e proteste, è costretta a vestirsi, fare una rapida colazione e lasciarsi alle spalle il campo rom de La Barbuta.
corriere.it
4 maggio 2011

Un filmato incastra l'europarlamentare e consigliere comunale del carroccio.
Sui manifesti elettorali la Lega scrive «foeura di ball». Ma parlando con un'ex simpatizzante esce la verità

MILANO - Chiuso Triboniano, la polemica sui rom monta. L'indice è puntato contro la Lega Nord che attua la linea dura contro i campi nomadi, e ne fa uno spot in vista delle prossime elezioni. Una campagna elettorale all'insegna del «foeura di ball». Ma, quando si tratta di rispondere a un proprio iscritto, in via confidenziale, convinti di non essere né visti né sentiti, allora le cose cambiano e diventano l'opposto. Insomma si predica in un modo e si razzola in un altro.L'europarlamentare e consigliere comunale Matteo Salvini, infatti, rispondendo ad una ex simpatizzante del partito, sui campi rom dice altre cose. E un filmato (GUARDA) lo incastra.

Tor de Cenci, la vera storia dello sgombero

di Mario Marazziti, Il Corriere della Sera
5 ottobre 2012



I romani non lo sanno. Non sanno che cosa si prova a vedere buttare giù con la scavatrice la casa dove si è abitato per cinque, dieci anni. Sanno solo che da una parte c'è il Comune che dice: "Bonificato il campo di Tor de Cenci". E dall’altra ci sono Caritas e Comunità di Sant’Egidio che dicono: "Una vergogna, indegna di una città civile".

    Con il contributo di 

Paolo Brogi, corriere.it
29 novembre 2011

Un professore di Roma Tre: il Campidoglio fa firmare ai nomadi un modulo che li obbliga ad accettare l'alloggio del Comune altrimenti rischiano di vedersi tolti i figli.

Accetto l’offerta di alloggio del Comune di Roma. Non accetto? Allora confermo di essere stato informato che se non posso garantire ai miei figli un luogo salubre e sicuro e non ho mezzo sufficienti per soddisfare i loro bisogni le autorità possono intervenire per collocarli in un posto sicuro. «La rom che ci ha fatto vedere questo modulo del Comune di Roma aveva appena incontrato agenti della Polizia Municipale durante lo sgombero al Canneto. Lei ha barrato la casella non accetto con quanto ne consegue, qualche altro invece ha invece accettato l’offerta proprio per evitare la terza casella…».

LA DIFFERENZIATA? I ROM LA FANNO AL 90%

di Luca Marconi, corriere.it
7 maggio 2011


Singolare conclusione del rapporto Isde-Medici per l’ambiente La spesa nei cumuli di immondizia, gli zingari gli unici ad aver «compreso la ricchezza dei rifiuti»
NAPOLI - I rom sarebbero gli unici ad aver compreso «la ricchezza diffusa che potrebbe provenire dall’Oro di Napoli: i rifiuti urbani». La singolare (apparentemente) affermazione è a firma degli oncologi Antonio Marfella e Giuseppe Comella ed è compresa in una relazione per l’Isde (Associazione Medici per l'Ambiente) ricca di dati (Asìa e Ispra) su «Il valore della raccolta differenziata a Napoli», relazione già finita tra le mani di qualche candidato a sindaco del capoluogo campano che se l’è subito spesa.
di Massimo Marino, Corriere di Bologna
19 novembre 2011

Attraverso il telefono arrivano voci e grida. “Stiamo preparando Capusutta. Debuttiamo domenica nel cinema-teatro Politeama di Lamezia Terme. In scena ci sono 60 ragazzi, 30 dei quali rom. Ora stiamo provando in un teatro inagibile. Stiamo lavorando un po' qui e un po' là. Ieri siamo stati costretti a rifugiarci per strada, tra le macchine che passavano».
Marco Martinelli, il regista del Teatro delle Albe di Ravenna, ci spiega la sua ultima non scuola, un lavoro con un gruppo di adolescenti, simile e diverso da altri svolti in vari posti d'Italia e del mondo, da Ravenna a Scampia, da Chicago al Senegal al Brasile. A Capusutta, tutto all’aria, come Arrevuoto, il progetto realizzato per tre anni a Scampia, a “scaravoltare” (per gli emiliani) tutto.
corriere.it
9 maggio 2011


ROMA - Questa mattina nell'area tra il XV e il XII Municipio sono iniziate le operazioni di sgombero dell'insediamento abusivo del Viadotto della Magliana e di via Asciano a Roma.

MA ORA ROMA E' DAVVERO PIU' LIBERA?

di Paolo Brogi, corriere.it
29 aprile 2010



ACCAMPATI IN VIALE DE CHIRICO
I rom di via Severini: sgomberati,
chiedono il rimpatrio, nessuno risponde
Una ventina di famiglie mandate via dal Collatino ora vive in mezzo alla strada: abbiamo chiesto al Comune di rimpatriarci, nessuno ci ascolta
da La 27esima ora
22 ottobre 2012

Avreste potuto denunciarlo compiendo il più grande atto d’amore nei suoi confronti ma avete preferito limitarvi a sgridarlo ogni tanto come si fa coi bambini quando lasciano i giocattoli in disordine.
Giovanna ha 37 anni e la sua storia con Carlo è finita. Quando lei ha deciso di lasciarlo, dopo aver scoperto anni di menzogne e relazioni violente parallele, lui l’ha minacciata di morte, l’ha perseguitata a tutte le ore del giorno e della notte.

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)