Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione. Per prestare il consenso all’uso dei cookies (leggi l'informativa) cliccare su "Accetta".
Zeroviolenza su Facebook 
Zeroviolenza su Twitter  
Canale Youtube di Zeroviolenza  
Zeroviolenza su Google PLus
sabato 15 dicembre 2018



"L'altrove è uno specchio in negativo. Il viaggiatore riconosce il poco che è suo, scoprendo il molto che non ha avuto e che non avrà".
Marco Polo



Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza! CF 97524750581

Zeroviolenza

Evento 

Titolo:
INCONTRO CON SR. PAULINE QUINN OP
Quando:
17.12.2011 - 17.12.2011
Dove:
MILANO - MILANO
Categoria:
Appuntamenti

Descrizione

INCONTRO CON SR. PAULINE QUINN OP
UNA VITA DEDICATA ALLA RIABILITAZIONE DEI DETENUTI AD OPERA DEGLI ANIMALI

Sabato 17 dicembre, dalle ore 10.00 alle 12.00
Carcere di Bollate, Sala Convegni
Via Cristina Belgioioso, 120 - Milano


L’incontro è dedicato a tutti gli  operatori della II° Casa di Reclusione Bollate Milano:

Polizia Penitenziaria
Unità cinofila della Polizia Penitenziaria
Educatori
Psicologi


Saranno presenti anche personalità politiche, l’unità cinofila della Polizia Locale e la Stampa specializzata.

Seguirà un buffet  preparato dalla Cooperativa “ABC – la sapienza in tavola” che opera all’interno del carcere.  

Per l'adesione, richiedere il modulo all'indirizzo asombollate@libero.it (entro il 10 dicembre)

**************************

Sr. Pauline Quinn nasce negli anni ‘40 in una famiglia estremamente disfunzionale. Abusata, mal-trattata e traumatizzata a 13 anni scappa di casa e vive di espedienti per le strade di Los Angeles. Trova aiuto nelle suore dell’ Ordine Domenicano (di cui più tardi prenderà i voti) e a 20 anni in-contra Joni, un pastore tedesco con il quale condivide le sue sofferenze.  Il legame con Joni è di amore incondizionato e con lui riesce lentamente a riaffacciarsi al  mondo, ricomincia a parlare. Con Joni e altri cani raccolti lungo la strada Sr. Pauline (che all’epoca si chiamava Kathy Quinn) inizia a viaggiare per gli Stati Uniti cercando un modo per portare aiuto e speranza ad altre per-sone come lei. Un giorno le viene l’idea di introdurre i cani all’interno di un istituto di detenzione per vedere se il legame uomo-animale potesse aiutare i detenuti  nel processo di riabilitazione. Conosce il Dr. Leo Bustard, professore di veterinaria alla Washington State University ed ex-prigioniero di guerra, che comprende e supporta la sua iniziativa. Nel 1981 ha inizio il primo programma di addestramento di cani per persone disabili ad opera delle detenute del Washington State Correctional Center for women, un carcere di massima sicurezza. Il programma ebbe un grande successo e oggi sono 24 gli istituti carcerari distribuiti su tutto il territorio statunitense che lo adottano. Sr. Pauline non ha mai smesso di viaggiare e di far conoscere  il suo programma che ora è attivo nelle carceri di varie parti del mondo tra cui Argentina, Australia, Polonia e dal 2005 anche in Italia all’interno del  Carcere di Rebibbia.

Nella primavera scorsa Sr. Pauline è venuta a conoscenza del progetto “Cavalli in Carcere”, il pro-gramma di riabilitazione per i detenuti condotto dall’Associazione Salto Oltre il Muro (ASOM) all’interno della II° Casa di Reclusione Bollate che vede coinvolti i cavalli della Scuderia Bollate e ha chiesto di venire a trovarci per conoscere da vicino il nostro lavoro.

Per  ASOM e per il Carcere di Bollate questo è un grande riconoscimento a livello internazionale.

Sr. Pauline infatti, è stata le prima persona ad introdurre gli animali all’interno delle carceri per la riabilitazione dell’uomo. Una riabilitazione reciproca perché i cani arrivano tutti da realtà di ab-bandono e maltrattamento. Anche i cavalli presenti all’interno della Scuderia Bollate arrivano da situazioni simili e la riabilitazione reciproca del binomio uomo-cavallo è alla base del progetto “Cavalli in Carcere”.

L’interesse dimostrato da Sr. Pauline e il suo arrivo a Bollate confermano l’importanza dell’introduzione di animali all’interno delle carceri.

La sua visita darà nuove prospettive e un rinnovato impulso alle attività che vedono coinvolti gli animali del carcere di Bollate (cavalli e unità cinofila).
 

Sede

Venue:
MILANO
Città:
MILANO
Provincia:
MI

Descrizione

Descrizione non disponibile
Articoli correlati