Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione. Per prestare il consenso all’uso dei cookies (leggi l'informativa) cliccare su "Accetta".
Zeroviolenza su Facebook 
Zeroviolenza su Twitter  
Canale Youtube di Zeroviolenza  
Zeroviolenza su Google PLus
mercoledì 19 dicembre 2018



"L'altrove è uno specchio in negativo. Il viaggiatore riconosce il poco che è suo, scoprendo il molto che non ha avuto e che non avrà".
Marco Polo



Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza! CF 97524750581

"TUTTI INDIETRO" IL LIBRO DI LAURA BOLDRINI, PORTAVOCE UNHCR, CHE ANALIZZA LE POLITICHE DI ACCOGLIENZA ITALIANE

immigrazioneoggi.it
23 04 2010


L’autrice racconta la propria esperienza, maturata nell’incontro costante con il dolore di chi è costretto a scappare e descrive al contempo anche l’Italia della solidarietà.


Cosa spinge migliaia di persone a cercare di raggiungere le coste italiane sfidando ogni pericolo? Che cosa sappiamo veramente di loro? Dobbiamo averne paura? È giusto respingerli, come il Governo italiano ha deciso di fare dal maggio 2009? Sono gli interrogativi che pone Tutti indietro (Rizzoli), scritto da Laura Boldrini, portavoce dell’Alto commissariato della Nazioni Unite per i Rifugiati, dal 22 aprile nelle librerie.
Nel dibattito pubblico si tende a considerare tutti i migranti allo stesso modo, mettendoli indistintamente in un unico grande calderone e presentandoli come minaccia alla sicurezza. Anche i rifugiati, da vittime di regimi e conflitti, finiscono per rappresentare un pericolo. Un grande equivoco che mina i principi di solidarietà e di diritto radicati da sempre nella società italiana. Dalle parole di Laura Boldrini emerge una realtà invisibile all’opinione pubblica. L’autrice, che negli anni ha affrontato con passione e coraggio alcune tra le principali crisi umanitarie - dal Kosovo, all’Afghanistan, dal Sudan all’Iraq - racconta la propria esperienza, maturata nell’incontro costante con il dolore di chi è costretto a scappare e descrive al contempo anche l’Italia della solidarietà, spesso oscurata dai mezzi d’informazione: dagli uomini che mettono a rischio la propria vita per salvare in mare i naufraghi partiti dalle coste africane, alle tante persone che nel rapporto quotidiano con immigrati e rifugiati realizzano un’integrazione vera e spontanea, gettando le basi per la società italiana del futuro. I proventi del libro verranno interamente destinati a borse di studio per ragazzi afgani giunti in Italia senza genitori.

http://immigrazioneoggi.it/daily_news/notizia.php?id=001704

Articoli correlati