DISOCCUPAZIONE ALL'8,7% AD OTTOBRE. I PIU' COLPITI SONO GIOVANI E DONNE AL SUD

il sole 24 ore
21 12 2010


Disoccupazione all'8,7% ad ottobre. I più colpiti sono giovani e donne al sud
Cala il numero di occupati ?Nel terzo trimestre del 2010 l'occupazione (percentuale di lavoratori sul totale della popolazione) è diminuita dello 0,2% (-57mila occupati) sul trimestre precedente. L'Istat precisa che nel periodo il numero di occupati risulta pari a 22.811.000 (-176mila). Il tasso di occupazione risulta in calo al 56,7%.
Il dato trimestrale sulla disoccupazione ?Nel terzo trimestre il tasso di disoccupazione scende all'8,3% (da 8,4% secondo trimestre dato rivisto da 8,5%), primo calo dopo sette trimestri di crescita). Ma il miglioramento è viziato dall'aumento dei cosiddetti inattivi, cioè chi, pur disoccupato non cerca lavoro. Il numero di persone in cerca di occupazione infatti scende a 2.068.000 (-1,7%) nel terzo trimestre. Il tasso di disoccupazione è calcolato dividendo il numero di disoccupati sul totale della forza lavoro. Riducendosi la forza lavoro di cui fanno parte le persone in cerca di occuppazione cala il denominatore e quindi migliora il tasso di disoccupazione.
I giovani i più colpiti dalla crisi del lavoro ?Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) mostra ancora una crescita attestandosi nel terzo trimestre del 2010 al 24,7%. Tra le categorie più colpite dalla crisi ci sono le donne del mezzogiorno dove la disoccupazione tocca quote del 36%.
Continua a peggiorare il mercato del lavoro in Italia. Il tasso di disoccupazione ad ottobre - comunica l'Istat - è cresciuto all'8,7% dall'8,4% di settembre. Si tratta del valore più alto dall'inizio delle serie storiche mensili, ovvero dal gennaio 2004. Il dato è rivisto al rialzo dall'8,6% precedentemente stimato ed è al top da gennaio 2004.
Cala il numero di occupati ?Nel terzo trimestre del 2010 l'occupazione (percentuale di lavoratori sul totale della popolazione) è diminuita dello 0,2% (-57mila occupati) sul trimestre precedente. L'Istat precisa che nel periodo il numero di occupati risulta pari a 22.811.000 (-176mila). Il tasso di occupazione risulta in calo al 56,7%.
Il dato trimestrale sulla disoccupazione ?Nel terzo trimestre il tasso di disoccupazione scende all'8,3% (da 8,4% secondo trimestre dato rivisto da 8,5%), primo calo dopo sette trimestri di crescita). Ma il miglioramento è viziato dall'aumento dei cosiddetti inattivi, cioè chi, pur disoccupato non cerca lavoro. Il numero di persone in cerca di occupazione infatti scende a 2.068.000 (-1,7%) nel terzo trimestre. Il tasso di disoccupazione è calcolato dividendo il numero di disoccupati sul totale della forza lavoro. Riducendosi la forza lavoro di cui fanno parte le persone in cerca di occuppazione cala il denominatore e quindi migliora il tasso di disoccupazione.
I giovani i più colpiti dalla crisi del lavoro ?Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) mostra ancora una crescita attestandosi nel terzo trimestre del 2010 al 24,7%. Tra le categorie più colpite dalla crisi ci sono le donne del mezzogiorno dove la disoccupazione tocca quote del 36%.

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook