×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62

LA SERPE E LA MARIA

Pubblicato in La Poesia
Letto 3122 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Un giorno de sole, ancora regazzina

Maria s'encammina presso er pozzo

che l'acqua nun ce stava alla cucina.

Cantando pe la via la poverina

je rimane bloccata la voce ar gargarozzo

na serpe nera come la pece

avanti je se fece:

me presento; io so er diavolo, piacere

se me stai a sentì

esaudisco ogni tuo volere.


Maria che sta cosa nun avea proprio capita

presto se ne fuggì da quella bestia

e tornò a casa tutta impaurita

senza manco l'acqua

che ner frattempo era tutta caduta.


Riprovò ad andare er giorno appresso

c'era sempre lui sotto quer masso

e l'aspettava, sto viscido animale

la piccola Maria se fece anima e coraggio

se avvicinò passo passo

e cor secchio pieno d'acqua lo tritò

quanno se fece male...


Vai via lasceme in pace, gridò

e se sur mio cammino presto ti rincontrerò

nun me farai paura

coi miei piedi te schiaccerò

e stavorta vorta nun te sarverai

bestiaccia immonda

na brutta fine farai

e finirai laggiù dove t'aspetta

di fuoco un onda.


La vergine s'è fatta poi Madonna

e pe rimannà agli inferi l'infame

schiaccia coi piedi er diavolo e l'affonna.


Anna De Santis

Ultima modifica il Mercoledì, 12 Agosto 2009 09:16
Altro in questa categoria: AUTUNNO »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook