Legge 194: cosa vogliono le donne


Sabato 9 marzo, ore 14.00
Sala dell'Acquario Civico
Via G.B. Gadio, 2 - Milano

L'iniziativa è organizata dall'associazione Usciamo dal silenzio insieme a Libera Università delle Donne, Consultori privati laici e il Comune di Milano

Programma

 

Ore 14.00
Video: Legge 194 Cosa vogliono le donne Storia di una legge, storia di donne di Liliana Barchiesi e Alessandra Ghimenti
Saluti del vicesindaco Ada Lucia De Cesaris e della delegata del Sindaco per le pari opportunità Francesca Zajczyk
Assunta Sarlo, Perché questo convegno

Le nostre parole chiave

Rispetto della scelta
Da una parte la scelta libera e responsabile di interrompere una gravidanza, dall’altra quella di chi rifiuta le cure necessarie dichiarandosi obiettore di coscienza. La contrapposizione tra il diritto alla vita dell’embrione e il diritto all’autodeterminazione delle donne, che ha le sue radici nel conflitto fra i sessi intorno alla riproduzione, ha prodotto leggi che cercano di bilanciarli.

Ore 14.30
Intervengono:
Caterina Botti, filosofa
Marilisa D’Amico, giurista

Coordina:
Maddalena Gasparini

Accoglienza e informazione
L’informazione alle donne è scarsa o incompleta; la possibilità di scegliere fra aborto farmacologico e chirurgico non è ancora operativa in molti ospedali; i dati sull’obiezione di coscienza del Ministero della salute non sempre corrispondono a quelli reali; il consultorio è stato ridimensionato quando non ridotto a un ambulatorio ostetrico-ginecologico. Con radicali differenze per una donna che vive al nord, al centro o al sud.

Ore 15.15
Intervengono:
Eleonora Cirant, giornalista
Daniela Fantini, ginecologa
Sara Martelli, ricercatrice
Rosetta Papa, ginecologa

Coordina:
Graziella Sacchetti

Sicurezza ed efficacia
Una corretta applicazione della legge 194 si fonda su una formazione qualificata delle operatrici e degli operatori che restituisca dignità scientifica ed etica all’interruzione della gravidanza. Particolare impegno va rivolto alle conseguenze sulla salute materna dell’ “aborto insicuro”, all’aggiornamento sulle tecniche e ad una relazione attenta alle esigenze delle donne.

Ore 16.15
Intervengono:
Grazia Colombo, sociologa
Anita Regalia, ginecologa
Anna Uglietti, ginecologa

Coordina:
Marina Mariani

Il nostro manifesto

Ore 17.00 Le associazioni presentano le loro proposte.
Intervengono:
Manuela Cartosio
Giovanna Fantini
Lea Melandri
Sonia Ribera

Ore 18.00
Discussione e conclusioni

Altro in questa categoria: No violenza »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook