×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 404

Luce Irigaray, una nuova etica del desiderio

Letto 3372 volte
Etichettato sotto

Radio Ciroma
27 05 2013

“…Sono dunque una militante politica dell’impossibile, il che non significa che io sia un’utopista: voglio piuttosto ciò che ancora non è, come la sola possibilità di futuro…” (Luce Irigaray)

Luce Irigaray è filosofa, psicanalista e linguista, e attualmente è Direttrice di ricerca presso il Centre National de la Recherche Scientifique di Parigi. Agli inizi degli anni ’70 diventa membro dell’EFP (Ecole Freudienne de Paris), scuola fondata da Jacques Lacan. Nel 1974 pubblica la tesi di dottorato, dal titolo Speculum. L’altra donna. Questo testo segna la rottura definitiva con il pensiero di Freud e di Lacan e più in generale con l”Accademia’ per la sua critica pungente nei confronti della psicologia tradizionale circa l’interpretazione della sessualità femminile. Nel 1982 ottiene la cattedra di filosofia all’Università Erasmus di Rotterdam, in seguito le sue ricerche la portano alla pubblicazione dell’opera Etica della differenza sessuale, lavoro che le farà guadagnare la fama internazionale. Nel 1991 è stata eletta deputata al Parlamento Europeo. Nel dicembre 2003 l’Università di Londra le conferisce la laurea honoris causa in Letteratura. Fra i suoi lavori ricordiamo: Io tu noi. Per una cultura della differenza, Bollati Boringhieri 1992, Essere due, Bollati Boringhieri, 1994, La democrazia comincia a due, Bollati Boringhieri, 1994, Il respiro delle donne, Il Saggiatore, 1997, Oltre i propri confini, Baldini Castoldi Dalai, 2007, All’inizio, lei era, Bollati Boringhieri 2013.

Il pensiero di Luce Irigaray si e’ sviluppato in un vivo rapporto di scambio con la politica delle donne. Le tesi di Luce Irigaray hanno influenzato i movimenti femministi francesi e italiani ma, nonostante il legame con il movimento femminista, Luce Irigaray non ha mai aderito in modo esclusivo ad alcun gruppo in particolare. In occasione della Lectio Magistralis all’Università della Calabria ed ai microfoni di radio Ciroma, Luce Irigaray espone il suo pensiero circa la necessità di una nuova politica del desiderio, di una nuova etica fra esseri sessuati. Per Luce Irigaray, infatti, la differenza sessuale è il conoscersi, l’appropriarsi delle proprie caratteristiche e nel rispetto di esse, delle nostre e di quelle degli altri. Rispettare la propria differenza e le differenze altrui è la chiave per una convivenza pacifica e rispettosa.

Questo contributo è dedicato a Fabiana Luzzi. Perché l’autonomia di pensiero non può essere messa a tacere. Perchè l’unico modo per porre fine alla violenza diffusa è farlo insieme.


Il compito degli intellettuali, la necessità di ripensare la cultura greca: ASCOLTA

L’energia del desiderio: ASCOLTA

La relazione-fra-due: potenza e potenzialità. I limiti ideologici del concetto di ‘comune’: (prima parte) ASCOLTA

La relazione-fra-due: potenza e potenzialità. I limiti ideologici del concetto di ‘comune’: (seconda parte) ASCOLTA

Il corpo non una natura da superare ma principio di opera d’arte da completare: ASCOLTA

La politica del due come pratica quotidiana: ASCOLTA

Come utilizzare la prospettiva di L. Irigaray per scardinare l’eteronormatività dell’ideale repubblicano. Il diritto al matrimonio per le coppie omosessuali: ASCOLTA








Altro in questa categoria: Fabiana uccisa perché donna »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook