Dagli Usa la guerra contro le Barbie e il rosa per bambine

Letto 2252 volte
Etichettato sotto
Dis.amb.iguando
08 07 2013

La GoldieBlox, un’azienda americana specializzata in giochi di costruzioni per l’infanzia – ha lanciato qualche giorno fa, nell’ambito dei loro Toys R Us (i giocattoli siamo noi), una linea di costruzioni per bambine, annunciando di voler sostituire il pink con il gold e dichiarando guerra alle Barbie (cito dal loro canale YouTube):

    It’s time to march friends, family, and children into Toys R Us, look at the Barbies on the shelves, and then walk out with GoldieBlox instead.

L’idea di marketing è buona è immaginavo che prima o poi qualche azienda ci sarebbe arrivata: partire dal rosa e dagli stereotipi (i tutù, le coroncine da principessa e altre leziosità tipiche del marketing per bambine), citandoli e con ciò riproponendoli, ma per invitare a superarli. Buona per una fase di transizione naturalmente, perché l’ideale sarebbe mescolare giochi per maschi e femmine senza mai separarli, combinandoli e ricombinandoli anche a partire dai colori (e basta con tutto ‘sto rosa!). Resta da capire se dalla nicchia in cui nei paesi ricchi sono confinate le costruzioni per bambini il superamento riuscirà a imporsi sulle quintalate di Pink & Barbie che dominano il mercato di massa mondiale. Una vera e propria sfida, per la quale la GoldieBlox chiama a raccolta la viralità della rete, in quattro passi:

    We’ve been told that GoldieBlox can’t survive in mass stores next to Barbie. Convention says that engineering toys for girls are a “niche” for the affluent, and for the internet.

Together, we must prove convention wrong. Here’s how you can help:

        Go to your local Toys R Us and find GoldieBlox (it’s kind of like “Where’s Waldo?”)

        Share this video with your friends on Facebook

        Tweet or Instagram pictures of GoldieBlox on store shelves (#GoldieBloxintheWild)

        Forward this email to 10 friends or family members.

Riusciranno i nostri eroi? Mah, ce ne vorrebbero dieci cento mille un milione, di iniziative simili. Mi pare solo una buona idea di posizionamento. Che resta nella nicchia.

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook