Concetta e le altre "suicidate" dalla mafia (Salvatore Maria Righi, L'Unità)

Le accomuna un destino coraggioso e tragico insieme: donne nate e cresciute nella 'ndrangheta, femmine dentro alle geometrie dei clan che si sono ribellate alla piovra e hanno pagato la loro scelta a carissimo prezzo. Non c'è pietà per chi vuole spezzare la catena del silenzio e per chi si mette contro "la famiglia", tanto più se è una donna. ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook