Atene, ucciso militante di sinistra da un estremista di "Alba dorata"

Etichettato sotto

La Repubblica
18 09 2013

La vittima colpita da diverse coltellate. All'origine del delitto, un diverbio nato prima sul calcio e poi sulla politica, che ha opposto l'uomo all'esponente del partito neonazista


ATENE - Un uomo di 34 anni, militante di un'organizzazione di estrema sinistra, è morto ad Atene in seguito alle ferite da colpi di coltello per le quali è sospettato un componente del partito neonazista 'Alba dorata'.

L'omicidio è avvenuto nel corso di scontri durante la notte nei pressi della capitale, secondo fonti della polizia. L'uomo è morto all'ospedale dove è stato trasportato, gravemente ferito, dalle forze dell'ordine intervenute dopo una rissa che è nata verso la mezzanotte nel quartiere periferico di Keratsini (ovest di Atene).

Secondo i primi elementi dell'inchiesta, l'uomo era militante di un piccolo movimento di estrema sinistra, Antarsia, mentre il principale sospettato dell'omicidio è un uomo di 45 anni, interrogato dalla polizia e trovato in possesso di un coltello. La rissa sarebbe nata dopo un diverbio legato al calcio, degenerato a causa delle opposte appartenenze politiche.

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook