Prima accoglienza, lo scempio in Sicilia (Giovanna Vaccaro, Il Manifesto)

Si è potuto anche, purtroppo, apprendere che segni compatibili a quelli di tortura sono visibili sui corpi di alcuni di loro, e non solo nei loro sguardi. Storie di tortura che forse non verranno neppure raccontate alla Commissione, perché nessuno di questi profughi ha ancora ricevuto consulenza legale e non hanno idea del peso che potrebbero avere nell'esame della loro richiesta di asilo. ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook