"Donna di conforto". Un insulto che fa male (Gian Antonio Stella, Corriere della Sera)

"All'inizio ricevevo cinque-dieci soldati al giorno. Le ragazze che erano là da più tempo mi avevano detto di non oppormi, altrimenti mi avrebbero uccisa. Poi ci portarono in nave su alcune isole, in cui non c'erano donne per i soldati". ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook