Confusione delle lingue tra adulti e bambini

Pubblicato in Il Racconto
Letto 3447 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Un estratto della Confusione delle lingue tra adulti e bambini di  Sandor Ferenczi, 1932

"Permettete che vi comunichi alcuni fatti alla cui penetrazione ha contribuito questo rapporto più intimo col paziente.
Anzitutto ho visto nettamente confermata l'importanza del trauma e in particolar modo del trauma sessuale, come agente patogeno, importanza che non verrà mai sottolineata abbastanza.

Infatti anche bambini appartenenti a famiglie stimate e di spirito puritano possono cadere vittima molto più spesso di quanto non si creda di vere e proprie violenze. O sono i genitori stessi a cercare in questo modo patologico dei sostituti a causa della loro insoddisfazione oppure sono persone a cui il bambino viene affidato -parenti, precettori, personale di servizio- ad abusare di lui, della sua ignoranza e innocenza.

L'ovvia obiezione che si tratti di fantasie sessuali del bambino stesso, dunque di menzogne isteriche, viene disgraziatamente confutata dalle
innumerevoli confessioni di pazienti in analisi di avere usato violenza ai bambini.

Sono all'ordine del giorno effettivi atti di violenza su bambine che hanno da poco superato la primissima infanzia, atti analoghi di donne adulte su bambini di sesso maschile, e, naturalmente, anche di violenze di natura omosessuale.

Se il bambino si riprende dopo un simile attacco, si sente enormemente confuso, già propriamente diviso in due, innocente e insieme colpevole, comunque sfiduciato nelle possibilità di manifestare il suo pensiero".

[...]

"Genitori ed adulti, e così noi analisti nell'analisi, dovremmo tutti imparare a rassegnarci al fatto che dietro la sottomissione o addirittura l'adorazione - e per noi analisti dietro l'amore di transfert - dei bambini, degli allievi e dei pazienti, sta nascosto l'ardente desiderio di liberarsi da un amore che li intralcia. Nella misura in cui aiutiamo il bambino, l'allievo, il paziente, a superare la reazione di identificazione e ad evitare i transfert per loro molesti, possiamo dire che ci è riuscito portare la loro personalità a un livello evolutivo più alto".  

Ultima modifica il Giovedì, 20 Novembre 2014 10:55
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook