Diciamogli che Roma è un'altra cosa

Roma rifiuta Matteo Salvini, Mario Borghezio, i loro camerati di Casa Pound e la loro nuova marcia su Roma. È importante che sia un rifiuto di massa, che dica chiaro e forte e in tanti che Roma è un'altra cosa. Li rifiuta la memoria di "Roma città aperta", medaglia d'oro della Resistenza, la città ribelle e mai domata di Carla Capponi e Rosario Bentivegna. E li rifiuta il presente di Roma, metropoli aperta, città meticcia da millenni popolata di migranti e viaggiatori del mondo intero.
Alessandro Portelli, Il Manifesto ...
Altro in questa categoria: Piccola Aurora dramma invisibile »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook