Il coraggio di Pradnya, botte allo stupratore: “Donne, fate come me”

Letto 2536 volte
Etichettato sotto

La Repubblica
23 03 2015

E’ pieno giorno in India, sono le 2,30 del pomeriggio, fa caldo e la stazione di Kandivli a Mumbai pullula di passeggeri in arrivo o in partenza. Pradnya Mandhare, 20 anni cammina svelta verso i binari per tornare a casa dopo una mattina di lezione nel college universitario di Sathaye alla periferia della metropoli. Nella calca viene avvicinata da un uomo

 

Altro in questa categoria: L' airbnb per i rifugiati »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook