Cambia il decreto anti-terrorismo. Web e computer sotto controllo

Gli organi di polizia giudiziaria potranno utilizzare programmi per acquisire "da remoto" le comunicazioni e i dati presenti in uno o più computer e potranno intercettare preventivamente dialoghi e altri contenuti, ad esempio, sui social network e nelle chat lines. Inoltre, i pubblici ministeri potranno conservare i dati di traffico per 24 mesi e i provider saranno obbligati a oscurare i contenuti illeciti legati ai reati di terrorismo, pubblicati dagli utenti. 
Vincenzo R. Spagnolo, Avvenire ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook