Il Vaticano non accetta l'ambasciatore gay. L'Eliseo va allo scontro "Il candidato è lui"

"Non cambieremo candidato". L'Eliseo fa sapere che non ci saranno ripensamenti sulla scelta di nominare Laurent Stefanini come ambasciatore alla Santa Sede. [...] Nominato da quattro mesi, Stefanini non si è ancora mai insediato perché il Vaticano non ha dato il gradimento che richiede normalmente la procedura. L'ex capo del protocollo del ministero degli Esteri ha già lavorato all'ambasciata francese presso la Santa Sede, ma è anche un omosessuale dichiarato, dettaglio che ha messo in crisi la procedura di insediamento. 
Anais Ginori, la Repubblica ...
Altro in questa categoria: Il lettore zero non nasce per caso »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook