Il dovere di accogliere

SolidarietàI flussi migratori non si fermano. Al massimo si deviano. A meno di non ricorrere alla forza, per esempio costruendo il Muro di Berlino. Fortificando la frontiera fra Stati Uniti e Messico con tecnologie d'ultima generazione. Salvo scoprire che prima o poi anche i muri crollano e i confini impenetrabili si svelano porosi. Quando affrontiamo l'emergenza Libia dobbiamo partire dall'esperienza storica. Da cui deduciamo che in attesa di ristabilizzare quel paese e spegnere i focolai di guerra accesi attorno adesso, dal Sahel al Corno d'Africa, dal Levante al Golfo Persico, avremo a che fare per il tempo prevedibile con masse di donne, uomini e bambini (molti non accompagnati) in caccia di speranza.
Lucio Caracciolo, la Repubblica ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook