L'ostilità verso l'altro è la notte delle coscienze

Siamo diventati insensibili perché non vediamo l'essere umano che c'è dietro ogni vita spezzata, mentre bisognerebbe conoscere ciascuno di loro: il suo volto, le sue sofferenze, le angosce e le speranze, le persone che ama e che ha lasciato, quelle che porta nel cuore ovunque vada, quelle che lo custodiranno sempre nel ricordo. Bisognerebbe ascoltarli quando parlano di chi hanno lasciato, delle violenze patite, della solidarietà ma anche della diffidenza incontrata nel nostro paese, di cosa sperano di fare non "nella" vita ma "della" loro vita.
Enzo Bianchi, La Stampa ...
Altro in questa categoria: L'apocalisse dei migranti »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook