Ci vuole una seconda riforma agraria

Un fatto è certo: la nostra zootecnia, la pastorizia e gran parte delle grandi aziende agricole non esisterebbero senza la mano d'opera offerta a basso costo dagli immigrati. Se sono clandestini o irregolari è ancora meglio, perché possono lavorare senza limiti orari e essere sottopagati a 20 euro al giorno per 10 ore di lavoro, come capita ancora nella piana di Gioia- Rosarno o nella terra dei fuochi, o in altri luoghi ameni del nostro Bel Paese. 
Il Manifesto ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook