Carlo Flamigni

Carlo FlamigniSi è laureato in medicina e chirurgia presso l'Università di Bologna nel 1959, specializzandosi in seguito in ostetricia e ginecologia. Intraprese la carriera accademica presso la stessa Università, prima come libero docente e poi come professore incaricato. Dal 1980 al2004 è stato professore ordinario, sempre presso l'Università di Bologna, di endocrinologia ginecologia e poi di ginecologia e ostetricia, proseguendo poi l'attività di docenza fino al 2008 come docente fuori ruolo.

Nell'ambito medico, tra il 1975 e il 1994 è stato direttore del servizio di Fisiopatologia della riproduzione per divenire poi direttore della clinica ostetrica e ginecologica dell’Università degli Studi di Bologna, incarico ricoperto fino al 2001.

Si è interessato dei problemi relativi alla bioetica, divenendo anche membro del relativo Comitato Nazionale.

È stato presidente della Società italiana di fertilità e sterilità.

Ricopre la carica condivisa con altre nove personalità della cultura, fra le quali Sergio Staino, Piergiorgio Odifreddi, Danilo Mainardi, di presidente onorario dell'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, UAAR.

È presidente onorario della Associazione italiana per l'educazione demografica (AIED).

È socio onorario della Consulta di bioetica.

Nel campo della pubblicistica e della saggistica, oltre a collaborare con numerose riviste scientifiche, è stato autore di un migliaio di memorie scientifiche nonché di molti libri, relativi soprattutto a problemi riguardanti la salute della donna e agli aspetti medici e bioetici legati alla riproduzione e alla fecondazione assistita.

Come scrittore, è autore di racconti, di storie poliziesche e di libri per l'infanzia. Nel 2011 ha vinto il premio letterario Serantini per il suo "Un tranquillo Paese di Romagna". Il suo sito personale raccoglie i suoi scritti prevalentemente dedicati a temi etici e biomedici.

Nelle elezioni europee del 2009 si è candidato nella lista "Sinistra e Libertà" per il collegio dell'Italia nord-orientale.
Altro in questa categoria: Emilio Drudi »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook