La Turchia va al voto con l'incubo del sangue

IstanbulMarco Barbinaglia, Il Fatto Quotidiano
26 ottobre 2015

Istanbul non sembra diversa dal solito in questo autunno tiepido, bagnato atratti da una pioggia insistente. Le strade affollate, il traffico frenetico, i mezzi pubblici pieni di gente. Un fiume di persone si riversa, come sempre, in Istiklal Caddesi, appena cala la sera. Nei locali è spesso difficile trovare un tavolino libero. ...
Altro in questa categoria: La clandestinità è ancora reato »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook