Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione. Per prestare il consenso all’uso dei cookies (leggi l'informativa) cliccare su "Accetta".
Zeroviolenza su Facebook 
Zeroviolenza su Twitter  
Canale Youtube di Zeroviolenza  
Zeroviolenza su Google PLus
sabato 16 dicembre 2017


«Sente però che bisogna saper essere deboli, abbandonarsi, per essere un uomo. Sa bene che questo non significa cedere, significa accettare finalmente la propria povertà. La miseria degli uomini non ha prezzo».
Jean Cayrol, "I primi giorni"


Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza! CF 97524750581

Gli abusi sulle badanti nel silenzio della casa

Giorgio De Chirico, Sole sul cavallettoDonatella Coccoli, Left
25 novembre 2017

Kateryna rimane in silenzio, poi sorride, scuote i capelli neri e comincia a parlare. Il suo italiano è ancora un po' stentato ma si capisce benissimo cosa sta raccontando. "Era un continuo provarci con me. Era anziano, ma era forte, mi metteva le mani addosso e non mi dava pace".

La notte lei si chiudeva in camera e lui andava a bussare, offrendole anche dei soldi. «Io non riuscivo a dormire, avevo paura». Paura a parlare di quello che stava accadendo, ai figli di quell’uomo, i suoi datori di lavoro, il primo per lei, donna quarantenne arrivata dall’Ucraina. Paura sì, perché con il lavoro se ne sarebbero andati anche il permesso di soggiorno e la casa, problema non di poco conto.

La storia che racconta Kateryna si svolge nei primi anni 2000, prima delle sanatorie ad hoc per le assistenti familiari, ma in seguito la situazione non è cambiata. Abusi a sfondo sessuale, maltrattamenti verbali, violenze psicologiche: sempre tutto uguale. Su donne, ricordiamo, che spesso lasciano i figli a casa e che alle spalle hanno a volte mariti violenti, che tuttavia devono mantenere con il loro lavoro. «Sì, a me è capitato, ma anche a molte mie amiche», aggiunge Olga, rumena. Lei se n’è andata dalla casa dei soprusi, ma altre non hanno trovato la forza per farlo, dice. «In quei momenti devi resistere e poi pensare con calma a cosa puoi fare. A me è andata bene perché mi è stata offerta un’altra occasione di lavoro e sono scappata», racconta in un italiano con lieve accento romano.

Ogni badante ha una storia personale, sempre però con un filo comune. «Se vieni dall’Est o dal Sud America la prestazione sessuale fa parte del pacchetto», dice Angela Maria Toffanin, ricercatrice di Padova che dal 2010 ha compiuto una ricerca sulla violenza di genere nelle relazioni quotidiane in cui sono coinvolte le lavoratrici straniere. «Anche per capire qualcosa di più dell’Italia». Il quadro è desolante…