Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione. Per prestare il consenso all’uso dei cookies (leggi l'informativa) cliccare su "Accetta".
Zeroviolenza su Facebook 
Zeroviolenza su Twitter  
Canale Youtube di Zeroviolenza  
Zeroviolenza su Google PLus
domenica 18 novembre 2018



"Le azioni umane adombrano sempre un certo fine, che può diventare inevitabile, se in quelle ci si ostina. Ma se vengono a mutare, muterà anche il fine".
Charles Dickens



Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza! CF 97524750581

Il falso va più veloce e lontano del vero

Vero FalsoSarantis Thanopulos, Il Manifesto
20 ottobre 2018

Tre ricercatori del MIT, Soroush Vosoughi, Deb Roy, Sinan Aral, hanno pubblicato il 9 Marzo 2018 su Science un lavoro: "La diffusione delle vere e delle false notizie online". Uno studio di circa 126.000 voci prodotte via Twitter dal 2006 al 2017 e diffuse da 3 milioni di persone per 4,5 milioni di volte. I risultati della ricerca mostrano che la falsità si diffonde molto più ampiamente, rapidamente e profondamente della verità
e la differenza è più pronunciata nelle notizie politiche che in quelle riguardanti il terrorismo, i disastri naturali, le scienze, le leggende metropolitane e l’informazione finanziaria.

I robot accelerano la diffusione del falso e del vero in egual misura: la prova per i ricercatori che sono gli esseri umani a preferire il falso al vero. Questo dato, secondo loro in contrasto con il senso comune, è, invece, scontato. I robot sono indifferenti alla verità e alla falsità: possono servire entrambe in egual modo.

A creare la preferenza per il falso è il processo di robotizzazione degli esseri umani (dominante nel campo della comunicazione web, ma riflettente i modelli di produzione di beni e servizi). L’agire operativo, meccanico che comprime il pensare e il sentire in schemi adattativi, crea un modo indifferente di vivere per cui tutte le cose tendono ad avere ugual valore, cioè nessuno. Finché si resta vivi, l’indifferenza spaventa, così è importante avere qualcosa a cui credere, investirlo. Trattare il falso come vero, creare falsi valori, è, nella sostanza, un compromesso tra il restare prigionieri di relazioni impersonali e l’esigenza di impegnarsi in qualcosa nella vita .




Se poi la preferenza per il falso si manifesta più nel campo politico che ne negli altri campi, ciò accade perché esso è percepito, illusoriamente, come il luogo in cui si decide tutto, come il più adatto per costruire, altrettanto illusoriamente, una rappresentazione rassicurante della realtà.

Inoltre, mentre nel campo delle catastrofi naturali e delle leggende metropolitane la falsità si smentisce più facilmente, nel campo scientifico la falsificazione ha più successo se si usa nell’interpretazione politica/ideologica, piuttosto che nella produzione, dei dati, e in quello della finanza essa è creata dalla loro costante manipolazione, il loro essere piegati a interessi di parte.

Gli studiosi del MIT hanno rilevato una correlazione tra il successo delle false notizie e il carattere di novità del loro contenuto. La reazione ad esse esprime sorpresa, paura, disgusto, mentre la reazione alle notizie vere è di attesa, tristezza, gioia e fiducia. Ciò fa vedere che non è la novità di per sé a rendere attraente il falso, bensì il fatto che tale novità esso la presenta come sorpresa negativa, paurosa, incentivando un assetto difensivo verso la vita.

Alla ricerca è sfuggito il fatto che la falsità, colonizzando le menti in profondità, tende anche a abitarle più a lungo della verità. È un veleno che intossica il pensiero, lo condiziona in modo persistente. La verità, invece, alloggia nella mente senza occuparla: non ama il buio delle caverne (o la loro illuminazione artificiale), né il sole accecante (la mistica delle idee assolute, superiori). Non crea certezze, non è fatta di granito e non frequenta le tombe. Prende forma nelle trasformazioni erotiche affettive e mentali che dischiudono i sentieri del vivere e li connettono tra di loro. Ci si può sentire vivi perché si gode delle cose, conoscendole, senza sottometterle al proprio dominio che le annienta. O si può cercare di mantenersi vivi difendendosi dalla vita stessa. La differenza tra il vero e il falso è questa.