Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, ma non utilizza alcun cookie di profilazione. Per prestare il consenso all’uso dei cookies (leggi l'informativa) cliccare su "Accetta".
Zeroviolenza su Facebook 
Zeroviolenza su Twitter  
Canale Youtube di Zeroviolenza  
Zeroviolenza su Google PLus
mercoledì 21 febbraio 2018



«Non c'è nulla che spaventi di più l'uomo che prendere coscienza dell'immensità di cosa è capace di fare e diventare».
Søren Kierkegaard


Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza! CF 97524750581

#nonèreato, il 21 ottobre in piazza contro il razzismo

Migrare #nonèreatoIl Manifesto
19 ottobre 2017

#Nonèreato. Abbiamo bisogno di giovani, ragazze e ragazzi italiani e nuovi cittadini, per costruire il futuro di questo paese; abbiamo bisogno di accoglienza, solidarietà e speranza.
Condividiamo le ragioni della manifestazione del 21 ottobre contro il razzismo a Roma, testimoniamo l’umanità che ci unisce.

Rifiutiamo le distinzioni e le etichette con le quali si classificano gli sventurati che attraversano l’Africa e il Medio Oriente sperando nell’accoglienza dell’Italia e dell’Europa. I rifugiati come i cosiddetti migranti economici tentano tutti di sfuggire alla morte: morte per guerra o morte per fame. Ma la risposta europea è stata la chiusura della rotta balcanica prima e della rotta libica poi, e il Mediterraneo è diventato il cimitero di oltre cinquantamila migranti.

La strada degli accordi con i regimi dei paesi dell’altra sponda non solo implica aiuti economici a governi opachi dalla democrazia malconcia, ma il prezzo dell’alleanza con le milizie libiche vuol dire costruire un inferno dove i migranti sono torturati, stuprati o mandati a morire di sete nel deserto, come ha denunciato l’Onu.

Noi non vediamo, non sappiamo o fingiamo di non vedere e non sapere?

Siamo consapevoli di avere una parte di responsabilità in questo disastro?

Il surriscaldamento del globo terrestre correlato al nostro sistema di vita aggraverà i problemi climatici, e la crisi alimentare in Etiopia, Somalia, Sud Sudan, Nord Kenya e Lago Ciad creerà altra fame.

Le armi vendute in Sudan, Somalia, Eritrea, Centro Africa, Mali contribuiscono ad incrementare guerre sempre più feroci. E non si dica «Aiutiamoli a casa loro» perché – colmo di ipocrisia – la politica economica verso l’Africa è un saccheggio di materie prime e, in seguito ad accordi a svantaggio dei paesi africani, sarà causa di ulteriore impoverimento.

Se questo si tace, non si capisce perché tanta gente fugge e si diffonde la paranoia dell’invasione. Da qui alla xenofobia e al razzismo il passo è breve.

Quando criminalizziamo i migranti definendoli clandestini, neghiamo l’umanità delle persone. Calpestiamo quei diritti sanciti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, per cui si ha diritto ad una vita sicura, alla libertà di movimento e ad una esistenza dignitosa. Svalutiamo quanto abbiamo raggiunto, dopo il buio delle guerre mondiali che hanno devastato l’Europa, mentre invece la Convenzione di Ginevra vieta il respingimento se vita e libertà sono minacciate.

Ma non sono queste le prospettive peggiori: negando l’uguaglianza e la libertà delle persone, diventando discriminanti di fronte alla diversità e alla povertà, rischiamo di distruggere quei valori che i nostri padri hanno difeso creando l’Europa patria dei diritti. Il danno potrebbe essere enorme ed imprevedibile, e potrebbe ricadere anche su di noi.

Non siamo di fronte a nessuna invasione, invenzione mediatica, e di altro invece ci si dovrebbe preoccupare. Non solo le nascite sono scarse, ma l’Italia è tornata ad essere un paese di emigranti: giovani soprattutto che espatriano deprivando il paese di energie vitali. Per il momento, ancora nessuno osa dirgli che vanno a rubare il lavoro all’estero.

Abbiamo bisogno di giovani, ragazze e ragazzi italiani e nuovi cittadini, per costruire il futuro di questo paese; abbiamo bisogno di accoglienza, solidarietà e speranza. Di responsabilità e lealtà nel servizio della politica, dell’informazione e della creazione di coscienza pubblica contro chi semina odio, paure e violenza. Per questo ci appelliamo alle persone di buona volontà.

Senza timore di testimoniare, manifestiamo l’umanità che ci unisce.

Per adesioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

*** Primi firmatari: Monsignor Raffaele Nogaro, don Luigi Ciotti, Andrea Camilleri, Moni Ovadia, Toni Servillo, Giuseppe Massafra, Luciana Castellina, Carlo Petrini

Tra le organizzazioni che aderiscono:

A Buon Diritto; A MM-Archivio delle memorie migranti; A.C.S.E. (Associazione Comboniana Servizio Emigrati e Profughi); Action Aid; ADIF (Associazione Diritti e Frontiere); Agenzia Habeshia; Altramente; Amnesty International Italia; Antigone; AOI; Arci; Arcigay Napoli; Arcs; ARS (Associazione per il rinnovamento della sinistra); Articolo 3 Osservatorio sulle discriminazioni; ASGI; ASI (Associazione solidarietà internazionale); Asinitas Onlus; Associazione “Con…Officine Gomitoli”; Associazione Chi rom e…chi no; Associazione CIAC onlus di Parma; Associazione Cultura è  Libertà; Associazione culturale la festa dei folli; Associazione Dhuumcatu; Associazione d’iniziativa politica e culturale “IN COMUNE”; Associazione Gylania di Perugia; Associazione Insieme Onlus di Vicchio Firenze; Associazione Italia – Nicaragua; Associazione K_Alma; Associazione Laura Lombardo Radice; Associazione Le Mafalde Prato; Associazione Linearmente Onlus; Associazione Marco Mascagni; Associazione Maschile Plurale; Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba; Associazione nazionale di solidarietà con il popolo Sahrawi (ANSPS); Associazione Nazionale Giuristi Democratici; Associazione per la Pace Nazionale; Associazione Spazio Libero; Associazione Sucar Drom; Associazione Transglobal; Associazione Voci della Terra; Associazione Welcome in Val di Cecina ONLUS; AssoPacePalestina; Attac Italia; Baobab Experience; Campagna LasciateCIEntrare; Campo Progressista; Casa Internazionale delle Donne; Casetta Rossa; Centro Riforma dello Stato; Cesv (Centro di Servizio per il Volontariato); Cild; CIPSI; Circolo culturale cerco…piteco di Roma; Cittadinanza e Minoranze; Cittadinanzattiva; Cnca; Coalizione Civica di Bologna; Coalizione Sociale – L’Aquila; COBAS; Comitato 3e32 – L’Aquila; Comitato Accoglienza Solidale Castelnuovo di Val di Cecina; Comitato Fiorentino Fermiamo la Guerra; Comitato Organizzatore “Convegno Libertà delle donne 21 sec. “; Comitato Popolare Antirazzista Milet Tesfamariam Genova; Comitato Verità e Giustizia per i Nuovi Desaparecidos; Comune-info.net; Coop. Agorà Kroton; Coop. Gea Irpina Impresa Sociale Fattoria Sociale Onlus; Cooperativa Be free; Cooperativa Sociale Dedalus; Coordinamento Basta morti nel Mediterrraneo – Firenze; Coordinamento genitori democratici di Roma; Coordinamento nord sud del mondo; Coordinamento per la democrazia Costituzionale; COSPE; COTRAD Cooperativa Sociale ONLUS; Cultura è libertà; E Zezi gruppo operaio; Emergency; EMMAUS ITALIA; Ex Opg – Je So Pazzo; Filef (Federazione Italiana Lavoratori Emigranti e Famiglie); Fiom-Cgil nazionale; FLC Cgil; Focus-Casa dei Diritti Sociali; Fondazione Cercare Ancora; Forum Droghe onlus; Gesco; Giornale “Il Bolscevico”; Giuristi Democratici di Roma; Greenpeace Italia; Gruppo Abele; Gruppo PaLaDe (sez. Roma nordovest Alleanza per la Democrazia e l’Uguaglianza); Italiani senza cittadinanza; Kumpania impresa sociale; l’Altra Europa con Tsipras; Legacoopsociali; LegaCoopSociali Nazionale; Legambiente; Libera; Libertà e Giustizia; Link Coordinamento Universitario; Lunaria; Medici Senza Frontiere; MEDU; Movimento Consumatori; Movimento Nonviolento; Nelpaese.it; Noi Siamo Chiesa, movimento per la riforma della Chiesa cattolica; Nuova Arca Cooperativa Sociale; Osservatorio Migranti di Basilicata; PMLI; Possibile; Prc S.E; Progetto Diritti; Progetto Ubuntu Firenze; Radicali italiani; Redazione periodico Lavoro e Salute; Reorient Onlus; Rete Antirazzista Fiorentina; Rete degli Operatori e delle Operatrici Sociali; Rete degli Studenti Medi; Rete della Conoscenza; Rete della Pace; Rete delle Città in Comune; Rete ECO – Ebrei contro l’occupazione; Rete italiana delle Donne in Nero; Rete nazionale “EDUCARE ALLE DIFFERENZE”; Rete Primo Marzo; Rete Radiè Resch; Rete Scuole Migranti; S.E.I. Sindacato Emigranti e Immigrati; Senzaconfine; Servizio Civile Internazionale; Sinistra Italiana; SOS Razzismo Italia; Sprar “Valeria Solesin” (AV); Sud Pontino Social Forum; UDS; UDU; UISP; Un ponte per… ; Una città in comune Pisa; Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912; USACLI.