L'Intervento

Stella De Zuani, Fermata d'Autobus
14 maggio 2013

Fermata d'Autobus è un'Associazione ONLUS, nata nel 1998 a Torino per iniziativa di un gruppo di professionisti (già fondatori della Comunità Il Porto nel 1983), che si occupa del trattamento di soggetti adulti che presentano patologie psichiatriche associate a disturbi di dipendenza da sostanze (Doppia Diagnosi)...
Igiaba Scego, Corriere Immigrazione
6 maggio 2013

Mi sono rovinata la Domenica! Giuro non erano queste le mie intenzioni. Ma è andata così. Il mio piano era perfetto, però… Porta Portese, passeggiatina, un buon affare in qualche bancarella e poi a casa da mia cugina Zahra, pranzo da nababbi, pastarelle, riposino, WOW insomma. La perfezione domenicale.

Massimo Recalcati, La Repubblica
5 maggio 2013

La spinta alla violenza cieca, alla sopraffazione, all'odio invidioso, alla distruzione dell'altro non è una patologia, ma accompagna da sempre, come un'ombra, la storia dell'uomo. Non è un caso che l'Antico Testamento si apra con il gesto atroce e ingiustificabile di Caino. ...

Pier Paolo Pasolini
25 aprile 2013

Qualcosa pare oggi, nella primavera del '55, realmente finito: il dopoguerra. È finito non solo nel disordine e nella corruzione, ma anche nelle coscienze di viverci. Il senso di liberazione e di ripresa, dal '45 agli anni immediatamente successivi, sembra ormai il dato di una psicologia lontana: e si ripresenta viziato, all'interno di ognuno di noi, dello stesso male che avrebbe portato il mondo esterno - la classe dirigente italiana, nella fattispecie - all'involuzione di oggi. ...
Elettra Deiana
22 aprile 2013

Giorgio Napolitano è stato l'undicesimo presidente della Repubblica, il primo proveniente dalla tradizione comunista, il terzo tra quelli riferibili alla sinistra, che furono, prima di lui, Saragat e Pertini.
Il 19 aprile di quest'anno è stato rieletto al Colle grazie all'accordo tra Pd, Pdl e Scelta Civica ed è così diventato il dodicesimo presidente della Repubblica.
Giuliana Sgrena, Il Manifesto
7 marzo 2013

Non c'è dubbio, le donne più maltrattate di questo mondo sono le saudite. Violenze atroci che non vengono documentate per mancanza di informazione, il regno saudita è uno dei paesi più ermeticamente chiusi ai giornalisti stranieri, e per interesse, il paese è un alleato dell'occidente oltre che il principale fornitore di petrolio. ...
Elena Stancanelli, La Repubblica
3 marzo 2013

Quanto è pericoloso - si chiede Amanda Craig -, consegnare a ragazzi molto giovani storie nelle quali la malattia e la mortificazione del corpo, sono presentati come luoghi della conoscenza, addirittura condizioni di privilegio emotivo? La letteratura per ragazzi pretende una enorme responsabilità sociale e morale. ...

Violentamente

  • Feb 23, 2013
  • Da
Gianguido Pagi Palumbo, Pagi1953
23 febbraio 2013

Io, uomo, sessantenne, siciliano, figlio ancora con madre novantenne, marito da quasi 40 anni, padre da 30, "Che ci faccio qui?" Il grande scrittore Bruce Chatwin intitolava uno dei suoi libri così, occupandosi delle sue crisi di identità geoculturale, da europeo inglese in giro per il mondo. ...
Anna Pompili, Micromega
12 febbraio 2013

Un paio di settimane fa i presidi delle cinque facoltà di Ostetricia e Ginecologia delle università romane hanno approvato un documento che di fatto costituisce l'ennesimo attacco alla legge sull'interruzione volontaria della gravidanza. Ecco perché.

Monica Pepe, Micromega
7 febbraio 2013

Chi ha ammazzato l'Utopia? La dittatura dell'immagine. Che prolifica incessantemente e ha interrotto l'orologio biologico dell'immaginazione.
Viviamo nell'epoca dell'autoscatto, immagine web 2.0. "Io sono, io riproduco, io sono tutte le facce che vedo".

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)