Newsletter

 
  Dammi il cinque! Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza
  {tag:date format=3}  
 
 
  Newsletter di Zeroviolenza.it n. 14/2015
 
Con l'occasione ti facciamo i nostri auguri di una Buona Pasqua!

____________________________________________________________

Tunisia: gli scontri per il potere non vinceranno sul popolo e la cultura. Intervista a Chiara Sebastiani

Leggi la I parte
Leggi la II parte

___________________________________________________________

LuxleakUn'inchiesta sull'aborto

Eleonora Cirant ha creato il blog "Un'inchiesta sull'aborto" che pubblica un'inchiesta indipendente a puntate sull'aborto e sull'applicazione della legge 194 a Milano, in Lombardia e in Italia e si svolgerà svolge tra gennaio e dicembre 2015
Leggi l'articolo
di Eleonora Cirant (Zeroviolenza)
____________________________________________________________

A scuola di economia sociale

Le imprese recuperate in Argentina continuano a crescere. I dati dell'ultimo censimento del Centro di documentazione dell`Università di Buenos Aires confermano che il fenomeno, nato come risposta alla crisi che nel 2001 ha causato la chiusura di migliaia di fabbriche
Leggi l'articolo di Claudio Tognonato (Il Manifesto)
____________________________________________________________

Tutti pazzi per il gender

Chi è che vuole negare l’esistenza e la differenza tra maschi e femmine? E quando sarebbe successo? Rispondere è facile: nessuno e mai. Tuttavia da qualche tempo è emersa questa strana e inesistente creatura, metà fantasia, metà film dell’orrore: è l’ "ideologia del gender”.
Leggi l'articolo di Chiara Lalli (Internazionale)
_____________________________________________________________________________

Alzare la testa, battere la solitudine: la sfida delle Camere del Lavoro Autonomo e Precario

CLAP è un acronimo, sta per Camere del Lavoro Autonomo e Precario. Le Camere nascono nell'autunno del 2013, in tre spazi autogestiti della città di Roma, e si connettono in una comune associazione sindacale.
Leggi l'articolo
di Francesco Raparelli
(DinamoPress)
____________________________________________________________

La denuncia paga: presi i caporali

Un esposto molto dettagliato, presentato in procura un anno fa. Poi, a inizio del mese scorso, un documentario che ha avuto risonanza nazionale, lanciato proprio dalle pagine del manifesto. Quando il sindacato si muove bene e denuncia, i risultati arrivano: i carabinieri di catania ieri hanno sgominato una banda di nove caporali che aveva ridotto in stato di semi schiavitù decine di immigrati, anche donne e minori
Leggi l'articolo
di Antonio Sciotto (Il Manifesto)
Leggi l'articolo di Tiziana Barillà e
_______________________________________________

8x1000 alla Chiesa Valdese
Bisogni, aspirazioni, desideri. Nuova campagna per l’Otto per mille alla Chiesa valdese




____________________________________________________________



Zeroviolenza.it è un progetto di
informazione indipendente.

Leggi Chi Siamo

Dammi il cinque! Il tuo 5 x 1000 a Zeroviolenza Onlus!
Codice fiscale: 97524750581

Zeroviolenza è di chi lo legge! Sostienici!
Grazie per il tuo contributo!

Per maggiori informazioni contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Continua a seguire Zeroviolenza.it e invia il link ai tuoi amici.

Seguici anche su facebook e twitter!
____________________________________________________________
Il 24% della somma versata può essere detratta dalla dichiarazione dei redditi. Ricorda di comunicare il tuo indirizzo email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per ricevere la certificazione.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali
I tuoi dati sono raccolti solo per informarti sulle iniziative e sulle attività di raccolta fondi a favore dell’Associazione Zeroviolenza Onlus. In ogni momento puoi chiedere la verifica, la variazione o la cancellazione di tali dati, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vuoi cancellarti da questa newsletter? {tag:unsubscribe}
{tag:subscriptions}


   
 
  Dammi il cinque! Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza
  {tag:date format=3}  
 
 
  Newsletter di Zeroviolenza.it n. 13/2015
____________________________________________________________________


Mani rifugiatiCome funziona la macchina dell'accoglienza dei migranti

La notizia per cui tra i migranti in arrivo via mare in Italia ci sarebbero anche terroristi pronti a colpire è l'ennesimo "al lupo al lupo", che aumenta immotivatamente lo stato di allarme e tensione verso le persone straniere. Si tratta, infatti, di un fenomeno che non è stato confermato e di cui non si è avuto ancora un solo caso. La realtà, per ora, è un'altra:
Leggi l'articolo di Valentina Brinis (Zeroviolenza)
___________________________________________________________

LuxleaksLuxleaks: la vecchia Europa e il coraggio di Antoine Deltour

Tutti sanno chi è Richard Snowden, praticamente nessuno ha mai sentito parlare di Antoine Deltour. Eppure senza di lui il recente scandalo denominato Luxleaks – senza molta fantasia, va detto – forse non sarebbe mai scoppiato. LuxLeaks ha svelato l'esistenza di migliaia di accordi fiscali siglati in estrema segretezza dalle autorità lussemburghesi "in favore" di dozzine di multinazionali,
Leggi l'articolo
di Luca Manes (Zeroviolenza)
____________________________________________________________

Bambini e noia
"La noia non è tempo sprecato". La psicologa: così i ragazzi crescono

"I bambini hanno bisogno di uno stacco e anche più lungo rispetto alle nostre vacanze. E devono imparare ad annoiarsi". [...] "I piccoli per crescere hanno bisogno di avere tempo di pensare per sviluppare la fantasia, l'inventiva, la creatività. E' un investimento evolutivo".
Leggi l'articolo di Donatella Barbetta (Il Giorno)
____________________________________________________________

Commedia e tragediaIl diavolo veste Isis

Sui media si susseguono le denunce sul mostro del momento: l'Isis. Sono accorate ma inefficaci: le uccisioni barbariche e l'oscurantismo alienante creano smarrimento e indignazione, ma, nella sostanza, lasciano il tempo che trovano. Le immagini raccapriccianti bruciano nel tempo breve della loro messa in onda. Isis è una prova attendibile dell'inganno che sorregge la difesa, stanca e ripetitiva, del "diritto all'informazione".
Leggi l'articolo di Sarantis Thanopulos (Il Manifesto)
_____________________________________________________________________________

No ExpoAlla fiera dell'ipocrisia

Il pianeta degli obesi e quello dei denutriti, le food corporation e i piccoli produttori locali, i semi antichi e i robot che servono ai banchi del supermercato. Nel milione di metri quadri che dal primo maggio ospiterà Expo 2015 c'è posto per tutto. E il contrario di tutto. Un mix di ingredienti controversi conditi in salsa italiana: inchieste della magistratura, consumo di suolo agricolo e perfino una società civile divisa nel giudizio e nelle modalità di "presidiare" l'evento.
Leggi l'articolo
di Tiziana Barillà
e Raffaele Lupoli (Left)
____________________________________________________________

Bush e Cheney
Sean Penn: "L'Isis? L'hanno inventato Cheney e Bush"

Invitato al Late Night Show di Conan O’Brien, Sean Penn, lo strenuo, irriducibile progressista che si batte per tutte le cause, ha scatenato un putiferio con le sue dichiarazioni: "È stupefacente che Dick Cheney (ex segretario alla Difesa), questo batterio che infetta l’umanità, grazie alla tecnologia bionica sia ancora tra noi.
Leggi l'articolo
di Carlo Antonio Biscotto (Il Fatto Quotidiano)
Leggi l'articolo di Tiziana Barillà e
_______________________________________________

Keith Haring, Bambini e adultiLa città dei bambini nella mente degli adulti: sognando insieme città senza violenza

"Vivere senza confini", recitava lo spot pubblicitario di una compagnia telefonica, evocando libertà, superamento dei limiti spaziali e, naturalmente, la possibilità di raggiungere tutti ed essere raggiunti. Divertita ed appena inquieta, mi domandavo se il successo del messaggio potesse derivare dalla soddisfazione del desiderio, inconscio e universale, di eludere le angosce che accompagnano la dimensione della separatezza.
Leggi l'articolo di Geni Valle (minima&moralia)

- Il calendario degli incontri
- La scheda metodologica del corso
- Le locandine del corso

____________________________________________________________

TTIP, The GuardianCould the TTIP deal undo development gains?

Più UN secretary general Ban-ki Moon has clearly stated his ambition for the sustainable development goals to be the most inclusive global development process ever, saying: "Development, after all, is about people. Their aspirations and ambitions must shape our policies and goals.
Leggi l'articolo di Barbara Crowther (The Guardian)
____________________________________________________________

TTIP
TTIP e TISA. La salute in vendita

I trattati commerciali fra USA ed UE, modificando le attuali regole a favore della libera concorrenza, potrebbero avere conseguenze negative sulla salute, sia indirettamente attraverso i determinanti sociali e ambientali di salute (lavoro, alimentazione, inquinamento, disuguaglianze, etc), sia direttamente attraverso la mercificazione dei servizi sanitari.
Leggi l'articolo
di Stefano Guicciardi (Salute Internazionale.info)
____________________________________________________________

DonneAl supermercato del sesso

Il Paradise è una casa di appuntamenti di Stoccarda. E' uno dei megabordelli nati in Germania negli ultimi anni. Come molti altri è in stile marocchino. Immaginate un incrocio tra la dimora di un sultano e un albergo economico, infilatelo tra una serie di anonimi palazzi in un parco industriale e vi sarete fatti un'idea. Non è la prima volta che entro in un bordello.
Leggi l'articolo
di Nisha Lilia Diu (Internazionale)
_____________________________________________________________________________


8x1000 alla Chiesa Valdese
Bisogni, aspirazioni, desideri. Nuova campagna per l’Otto per mille alla Chiesa valdese




____________________________________________________________


Campagna nazionale “Meno Giornali Meno Liberi” per la riforma del settore e il pluralismo dell’informazione

Duecento testate, 3.000 posti di lavoro di giornalisti, grafici e poligrafici, 300 milioni di copie in meno: se Governo e Parlamento non ripristineranno i contributi per l’editoria 2013 (tagliati retroattivamente a bilanci già chiusi) e 2014 sono questi i numeri del disastro che si abbatterà sull’editoria non profit italiana, con costi per lo Stato più alti del valore del fondo.
Firma la Petizione!
____________________________________________________________


Zeroviolenza.it è un progetto di
informazione indipendente.

Leggi Chi Siamo

Dammi il cinque! Il tuo 5 x 1000 a Zeroviolenza Onlus!
Codice fiscale: 97524750581

Zeroviolenza è di chi lo legge! Sostienici!
Grazie per il tuo contributo!

Per maggiori informazioni contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Continua a seguire Zeroviolenza.it e invia il link ai tuoi amici.

Seguici anche su facebook e twitter!
____________________________________________________________
Il 24% della somma versata può essere detratta dalla dichiarazione dei redditi. Ricorda di comunicare il tuo indirizzo email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per ricevere la certificazione.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali
I tuoi dati sono raccolti solo per informarti sulle iniziative e sulle attività di raccolta fondi a favore dell’Associazione Zeroviolenza Onlus. In ogni momento puoi chiedere la verifica, la variazione o la cancellazione di tali dati, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vuoi cancellarti da questa newsletter? {tag:unsubscribe}
{tag:subscriptions}


   
 
  Dammi il cinque! Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza
  {tag:date format=3}  
 
 
  Newsletter di Zeroviolenza.it n. 12/2015
____________________________________________________________________


Quantitative easingChe cosa è il Quantitative easing? Intervista a Andrea Baranes


Andrea Baranes, cosa è il Quantitative easing e perchè è stato inventato dal sistema economico finanziario?

Il Quantitativa Easing – QE – è un intervento della Banca Centrale che “crea denaro” per comprare principalmente titoli di Stato. Per statuto la BCE non può acquistare questi titoli sul mercato primario (ovvero al momento dell'emissione da parte dei governi), ma unicamente sul secondario (il mercato in cui gli investitori comprano e vendono titoli già emessi).
Leggi l'intervista
di Monica Pepe (Zeroviolenza)
____________________________________________________________

Jobs act libertà di licenziareJobs Act: libertà di licenziare

Dopo gli annunci e il Disegno di legge delega, votato a colpi di fiducia in autunno, il Jobs Act entra nel merito. E lo fa con i primi quattro decreti attuativi: quello sul contratto a tutele crescenti (ovvero l'eliminazione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori); la riforma gli ammortizzatori sociali (NASpI, DIS-COLL, Asdi, ecc.); il decreto – ancora uno schema – che rivede i contratti precari in vigore; infine, la bozza relativa alla maternità.
Leggi l'articolo
di Alessandro Brunetti e Francesco Raparelli (Zeroviolenza)
____________________________________________________________

Primavere arabe che sfioriscono

Come sconvolgenti sono i quieti ragazzi occidentali tutti i-Pod e smartphone che un bel giorno si svegliano assetati di martirio e sognano i giardini di Allah. Specie per chi è abituato a pensare che, fino a qualche anno fa, non succedeva nulla e tutto andava per il meglio: che cioè decenni di pesante controllo coloniale e di sfruttamento petrolifero e molti anni di bombardamenti quasi giornalieri in Afghanistan e in Iraq e di colpi di stato organizzati e gestiti dagli occidentali (da quello algerino del 1991 a quello,libico del 2011) fossero in realtà cosucce da nulla, ordinaria amministrazione, cose destinate a cader subito nel dimenticatoio. Ora che i nodi stanno venendo al pettine, ci scopriamo stupiti e impreparati.
Leggi l'articolo di Franco Cardini (Il Messaggero)
____________________________________________________________
Poveri bambini di oggi un pò re e un pò boia

Lo stato di buona salute o di grave malattia di una società è infallibilmente segnalato dalla considerazione che in essa si ha del bambino o, in genere, del minorenne. Nella modernità borghese la mitica regalità del bambino, rilegittimata da Rousseau e molto più tardi, a partire da Claparède, risolta nel tema scientifico dell'età evolutiva, era assurta infine a motivo centrale della cultura europea. Però questa stessa cultura, nel suo estremo sviluppo autocritico, con Freud si accorse che la proclamata regalità del bambino non è se non la proiezione narcisistica di una società di adulti immaturi in preda a una divorante insicurezza.
Leggi l'articolo
di Aldo Masullo (Il Mattino)
_______________________________________________________
_____________________________________________________________

No Grandi Opere!Tangenti, il sistema-Tav dopo Expo e Mose: sempre gli stessi da Craxi a Renzi

Con Expo e Mose credevamo di aver già ripercorso tutta la cronistoria del dejà-vu tangentizio con i suoi protagonisti senza tempo sempre perfettamente operativi ma ancora una volta era solo una parte della storia infinita del sistema-paese-di-Tangentopoli.
Leggi l'articolo di Daniela Gaudenzi (Il Fatto Quotidiano)
____________________________________________________________

Madre surrogata
Anonimato e diritto a sapere anche l'eterologa impone regolel'autorevolezza

Conoscere le proprie origini è un passaggio fondamentale nella formazione della propria identità. Per questo, da tempo, la legge italiana sull'adozione richiede che i genitori adottivi non le nascondano ai figli adottati. Ma, ovviamente, il diritto a conoscere le proprie origini non può fermarsi qui. Riguarda anche la conoscenza della propria identità biologica, quindi dei dati sulla salute, le caratteristiche genetiche di chi ci ha generato fisicamente.
Leggi l'articolo di Chiara Saraceno
(La Repubblica)
____________________________________________________________


La città dei bambini nella mente degli adulti. Differenze e integrazione

Proseguono le lezioni del nostro Corso dedicato a genitori e insegnanti delle scuole materne, elementari e medie.
Vedi il servizio di Rai News 24
- Il calendario degli incontri
- La scheda metodologica del corso
- Le locandine del corso

____________________________________________________________

Nativi digitaliI ragazzi in balìa dei media abbandonati fra tv e web

Più che nativi digitali, sono una generazione in balìa dei media. A 10 anni l'80% dei ragazzi accende da solo la tv e il 51% naviga su Internet senza avere nessuno accanto. A 7 anni si ha già in mano il cellulare. E poi c'è il boom del tablet che viene usato dalla metà degli under 13 fra le due e le tre ore al giorno. Guai, comunque, a pensare che i bambini abbiano abbandonato la televisione. Il piccolo schermo resta il mezzo più amato.
Leggi l'articolo di Giacomo Gambassi (Avvenire)
____________________________________________________________

Scena SensibileLa scena sensibile 2015

Al Teatro Argot Studio di Roma da domenica 8 marzo fino a domenica 22, riprende la rassegna al femminile, curata da Serena Grandicelli
____________________________________________________________


Zeroviolenza.it è un progetto di informazione indipendente.
Leggi Chi Siamo

Dammi il cinque! Il tuo 5 x 1000 a Zeroviolenza Onlus!
Codice fiscale: 97524750581

Zeroviolenza è di chi lo legge! Sostienici!
Grazie per il tuo contributo!

Per maggiori informazioni contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Continua a seguire Zeroviolenza.it e invia il link ai tuoi amici.

Seguici anche su facebook e twitter!
____________________________________________________________
Il 24% della somma versata può essere detratta dalla dichiarazione dei redditi. Ricorda di comunicare il tuo indirizzo email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per ricevere la certificazione.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali
I tuoi dati sono raccolti solo per informarti sulle iniziative e sulle attività di raccolta fondi a favore dell’Associazione Zeroviolenza Onlus. In ogni momento puoi chiedere la verifica, la variazione o la cancellazione di tali dati, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vuoi cancellarti da questa newsletter? {tag:unsubscribe}
{tag:subscriptions}


   
 
  Dammi il cinque! Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza
  {tag:date format=3}  
 
 
  Newsletter di Zeroviolenza.it n. 11/2015
____________________________________________________________________


Prostituzione: Monica Pepe intervista Giorgia Serughetti

Le ultime 2 parti dell'intervista:
- I giovani, la libertà, il valore, il piacere. Intervista a Giorgia Serughetti (V parte)
- Il fenomeno, la morale, il denaro, l'initimità. Intervista a Giorgia Serughetti (IV parte)

____________________________________________________________

Mi cuerpoLuci e ombre sull'approvazione della risoluzione Tarabella in tema di diritto all'aborto
Alle dodici del 10 marzo si è diffusa in rete la notizia dell'approvazione al Parlamento di Strasburgo della risoluzione Tarabella relativa alla "Relazione sulla Parità tra donne ed uomini nell'Unione europea per l'anno 2013". Al suo interno sono affrontati vari temi, il congedo parentale, il gap salariale di genere, il divario pensionistico e l'implementazione di politiche proattive per l'occupazione femminile.
Leggi l'articolo
di Maddalena Robustelli (Zeroviolenza
)
____________________________________________________________

"Sblocca Italia?" No, Sblocca trivelle e affonda l'Italia
La cosiddetta Legge "Sblocca Italia", la Legge n.133/2014 approvata a colpi di fiducia dal Governo Renzi, nasconde molte magagne (1) ma mi limiterò qui a trattare del solo Articolo 38, che ci è venuto spontaneo rinominare subito "Sblocca trivelle". Presentato da Renzi come "risposta" ai tre/quattro comitatini che vogliono ostacolare ad ogni costo le progressive sorti petrolifere del Paese, lo sblocca trivelle consente di applicare quelle procedure, semplificate e accelerate, che si addicono alle "infrastrutture strategiche".
Leggi l'articolo di Alessandro Giannì (Zeroviolenza)
____________________________________________________________
Maternità
Donna o madre?
Massimo Recalcati ha prospettato, di recente, il tramonto della madre che si sacrifica per accudire i figli, trattenendoli presso di sé con uno scambio tra la sua abnegazione e la loro fedeltà. Il suo posto è preso dalla madre "narciso", ossessionata dalla propria libertà e dalla propria immagine, che vede nei figli un ostacolo. Nel passato la madre tendeva a uccidere la donna, oggi è la donna che sopprime la madre.
Leggi l'articolo
di Sarantis Thanopulos (Il Manifesto)
_______________________________________________________
_____________________________________________________________

Io Decido!Fuori gli obiettori dal San Camillo!
È con rabbia e preoccupazione che rispondiamo all'allarme lanciato dalle ginecologhe che operano negli ospedali della provincia di Roma, circa il rischio che al reparto maternità e ostetricia dell'Ospedale San Camillo venga nominato un primario obiettore di coscienza. Siamo costrette a constatare che dichiararsi obiettore di coscienza è la condizione irrinunciabile per fare carriera negli ospedali pubblici.
Leggi l'appello di #IoDecido

____________________________________________________________

Accudire i figli non vuol dire perdere l'autorevolezza
La lenta avanzata dei padri accudenti è un fenomeno da incoraggiare senza ambivalenze. Si tratta di pari opportunità tra padri e madri in entrambe le direzioni: per fare sì che le madri possano conciliare meglio lavoro di cura e lavoro per il mercato (e magari anche un po' di tempo per sé), ma anche perché venga riconosciuta la legittimità del desiderio di molti padri di avere più tempo per i figli,
Leggi l'articolo di Chiara saraceno
(La Repubblica)
____________________________________________________________


La città dei bambini nella mente degli adulti. Differenze e integrazione
Proseguono le lezioni del nostro Corso dedicato a genitori e insegnanti delle scuole materne, elementari e medie.
Vedi il servizio di Rai News 24
- Il calendario degli incontri
- La scheda metodologica del corso
- Le locandine del corso

____________________________________________________________

Dalla Cina col pancione: i figli nascono negli Usa
All'aeroporto di Los Angeles, una coppia di cittadini cinesi viene fermata per i controlli. Il marito, Wang Fei, cerca di convincere gli agenti della dogana che vuole entrare negli Usa per una vacanza. Lei è incinta, non si sa di quanti mesi. "E se il travaglio iniziasse durante la permanenza?" chiedono gli agenti. "Resteremo a casa di mio padre a Corona, una città poco distante da Los Angeles", spiega. Eppure la storia non convince.
Leggi l'articolo di Virginia Della Sala (Il Fatto Quotidiano)
____________________________________________________________

Scena SensibileLa scena sensibile 2015
Al Teatro Argot Studio di Roma da domenica 8 marzo fino a domenica 22, riprende la rassegna al femminile, curata da Serena Grandicelli
____________________________________________________________


Zeroviolenza.it è un progetto di informazione indipendente.
Leggi Chi Siamo

Dammi il cinque! Il tuo 5 x 1000 a Zeroviolenza Onlus!
Codice fiscale: 97524750581

Zeroviolenza è di chi lo legge! Sostienici!
Grazie per il tuo contributo!

Per maggiori informazioni contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Continua a seguire Zeroviolenza.it e invia il link ai tuoi amici.

Seguici anche su facebook e twitter!
____________________________________________________________
Il 24% della somma versata può essere detratta dalla dichiarazione dei redditi. Ricorda di comunicare il tuo indirizzo email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per ricevere la certificazione.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali
I tuoi dati sono raccolti solo per informarti sulle iniziative e sulle attività di raccolta fondi a favore dell’Associazione Zeroviolenza Onlus. In ogni momento puoi chiedere la verifica, la variazione o la cancellazione di tali dati, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vuoi cancellarti da questa newsletter? {tag:unsubscribe}
{tag:subscriptions}


   
 
  Dammi il cinque! Il tuo 5x1000 a Zeroviolenza
  {tag:date format=3}  
 
 
  Newsletter di Zeroviolenza.it n. 10/2015
____________________________________________________________________


Prostituzione/zoning: intervista Giorgia Serughetti

Monica Pepe intervista Giorgia Serughetti, autrice del libro "Uomini che pagano le donne" (Ediesse)
- La domanda, il mercato, la tratta (I parte)
- Le zone a luci rosse, le istituzioni, la prostituzione di strada (III parte)
- I media, la complessità, la legge, la sessualità (II parte)

____________________________________________________________

Donne migranti: lo sfruttamento è doppioDonne migranti: lo sfruttamento è doppio
“Amal avrebbe voluto guardare meglio negli occhi del soldato, ma la bocca del fucile automatico contro la fronte non glielo permetteva. Era sufficientemente vicina per vedere che portava le lenti a contatto. Si immaginò il soldato curvo su uno specchio che si infilava le lenti negli occhi prima di vestirsi e andare a uccidere. Che strano, pensò, quello che ti viene in mente tra la vita e la morte.
Leggi l'articolo
di Marco Omizzolo e Roberto Lessio (Zeroviolenza
)
____________________________________________________________

I costi della violenza sulle donne rimangono sottostimati
Dal 2010 la giornata Le stime riguardanti i costi personali e sociali della violenza sulle donne sono allarmanti (vedi la scheda). I costi diretti e indiretti della violenza sulle donne e la violenza domestica coinvolgono la vittima, il suo nucleo familiare, la sua comunità e il suo ambiente economico impedendone il normale funzionamento. Sono questi i tristi risultati di “Study on estimating the costs of gender-based violence in the EU
Leggi l'articolo di Istituto Europeo per l'Uguaglianza di Genere
____________________________________________________________
Lavoro precario

Prove di coalizione sociale

Si discute molto in questi giorni di Coalizione sociale. Ne ha discusso lo Strike Meeting a Roma, un paio di settimane fa, ne discutono i metalmeccanici in questi giorni a Cervia, pongono il problema da tempo i professionisti "atipici" (non legati agli ordini) di ACTA.
Leggi l'articolo
di Francesco Raparelli (L'Huffington Post)
_______________________________________________________
_____________________________________________________________

La città dei bambini nella mente degli adulti. Differenze e integrazione
La città dei bambini nella mente degli adulti. Differenze e integrazione
Proseguono le lezioni del nostro Corso dedicato a genitori e insegnanti delle scuole materne, elementari e medie.
- Il calendario degli incontri
- La scheda metodologica del corso
- Le locandine del corso

____________________________________________________________

La crisi culturale della scuola italiana
Nella scuola italiana non si fa – non si fa più o non si è mai fatta: se ne potrebbe discutere – cultura autentica. Si favorisce più il pensiero convergente ed il conformismo che il pensiero critico. Lo schema dominante è consolidato: fare scuola è fare lezione. Il docente parla, gli studenti ascoltano ed assimilano. Poi ripetono. Il docente non produce cultura, la trasmette..
Leggi l'articolo di Antonio Vigilante (Comune Info)
____________________________________________________________

Diritti LGBTIl Corriere della Sera e l'"ideologia gender"
Il 26 febbraio, il Corriere ha dedicato un'intera pagina di pubblicità contro una fantomatica "ideologia gender" diffusa nelle scuole, che sponsorizzava una petizione contraria alle strategie dell'UNAR e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in merito alle politiche di pari opportunità e uguaglianza – si legge sul sito citato nello spot.
Leggi la lettera
di Educare alle differenze
____________________________________________________________


Zeroviolenza.it è un progetto di informazione indipendente.
Leggi Chi Siamo

Dammi il cinque! Il tuo 5 x 1000 a Zeroviolenza Onlus!
Codice fiscale: 97524750581

Zeroviolenza è di chi lo legge! Sostienici!
Grazie per il tuo contributo!

Per maggiori informazioni contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Continua a seguire Zeroviolenza.it e invia il link ai tuoi amici.

Seguici anche su facebook e twitter!
____________________________________________________________
Il 24% della somma versata può essere detratta dalla dichiarazione dei redditi. Ricorda di comunicare il tuo indirizzo email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per ricevere la certificazione.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali
I tuoi dati sono raccolti solo per informarti sulle iniziative e sulle attività di raccolta fondi a favore dell’Associazione Zeroviolenza Onlus. In ogni momento puoi chiedere la verifica, la variazione o la cancellazione di tali dati, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vuoi cancellarti da questa newsletter? {tag:unsubscribe}
{tag:subscriptions}


   
 
 
  {tag:date format=3}  
 
 
  Newsletter di Zeroviolenza.it n. 9/2015
____________________________________________________________________

Vivere senza carcere?


La questione carceraria nel nostro paese sembra, quasi miracolosamente, uscita dalla zona d'ombra cui fino a poco tempo fa veniva relegata. Si è parlato molto di sovraffollamento, di condizioni fatiscenti dal punto di vista strutturale, di trattamenti inumani e degradanti subiti dai detenuti.
Leggi l'articolo
di Valentina Calderone (Zeroviolenza)
____________________________________________________________

Legge sulla diffamazione. Intervista a Silvia Garambois
Silvia Garambois, a che punto è l'iter parlamentare della legge sulla diffamazione a mezzo stampa?

Il Senato ha approvato quella che è una brutta legge, un nuovo bavaglio alla stampa, lo scorso 29 ottobre. Ad oggi la normativa è alla commissione giustizia della Camera, dove sono stati presentati nuovi emendamenti:

Leggi l'intervista
di Monica Pepe (Zeroviolenza
)
____________________________________________________________

Appelo per il primo marzo 2015
Dal 2010 la giornata del Primo Marzo rappresenta un momento di riflessione e impegno contro le discriminazioni e lo sfruttamento nei confronti dei migranti. Esistono dei diritti, che valgono per tutti gli esseri umani che non possono essere differenziati o negati sulla base di confini territoriali o di appartenenze etniche, culturali e religiose.
Leggi l'articolo di Corriere delle migrazioni
____________________________________________________________

Il Canada equipara i movimenti per il clima all'Isis
La notizia in un rapporto della polizia canadese finito in mano a Greenpeace. La stretta sulla sicurezza dettata dalla “psicosi terrorismo” ha portato il Canada a fare una legge che considera terroristi anche gli attivisti in difesa del clima. I movimenti ambientalisti canadesi che si oppongono all’estrazione del petrolio da sabbie bituminose e manifestano a difesa del clima potrebbero presto essere equiparati ai terroristi dell’Isis.
Leggi l'articolo di Francesco Paniè (Rinnovabili.it)
____________________________________________________________

Vita dietro le sbarre di un microcosmo sessuato
Un La depersonalizzazione e il declassamento dell'individuo attraverso la cancellazioni di diritti (alla privacy, all'affettività, alla salute) sono parte integrante dei disegni del carcere. La sofferenza che tali trattamenti generano si traduce spesso in fenomeni autodistruttivi. I nessi tra il disconoscimento dei vissuti, piegati e domati, le precarietà esistenziali dei percorsi individuali e le ricadute cliniche sono evidenti.
Leggi l'articolo
di Cristina Morini (Il Manifesto)

____________________________________________________________

Campagna numero verde 800 90 10 10 - “Spegni le discriminazioni, accendi i diritti”
Se sei vittima o testimone di comportamenti discriminatori per origine etnica, per età, per credo religioso, per orientamento sessuale e/o identità di genere, per disabilità chiama il numero verde 800 90 10 10 o vai sul sito www.unar.it

____________________________________________________________

Commercio mondiale, nel Ttip legge e sovranità pubblica in mano ai privati
Solo grazie alle ripetute insistenze della società civile organizzata che vuole vederci chiaro cominciano oggi a trapelare alcuni iniziali e limitati elementi informativi sul cosiddetto Ttip (Transatlantic Trade and Investments Partnership, Partenariato transatlantico sul commercio e gli investimenti).
Leggi l'articolo di Fabio Marcelli (Il Fatto Quotidiano)

____________________________________________________________

Zeroviolenza.it è un progetto di informazione indipendente.
Leggi Chi Siamo

Dammi il cinque! Il tuo 5 x 1000 a Zeroviolenza Onlus!
Codice fiscale: 97524750581

Zeroviolenza è di chi lo legge! Sostienici!
Grazie per il tuo contributo!

Per maggiori informazioni contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Continua a seguire Zeroviolenza.it e invia il link ai tuoi amici.

Seguici anche su facebook e twitter!
____________________________________________________________
Il 24% della somma versata può essere detratta dalla dichiarazione dei redditi. Ricorda di comunicare il tuo indirizzo email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per ricevere la certificazione.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali
I tuoi dati sono raccolti solo per informarti sulle iniziative e sulle attività di raccolta fondi a favore dell’Associazione Zeroviolenza Onlus. In ogni momento puoi chiedere la verifica, la variazione o la cancellazione di tali dati, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vuoi cancellarti da questa newsletter? {tag:unsubscribe}
{tag:subscriptions}


   
 
 
  {tag:date format=3}  
 
 
  Newsletter di Zeroviolenza.it n. 8/2015
____________________________________________________________________


Il terrore non viene dal mare


Sta facendo facile breccia nel pensare collettivo, l'idea che nei gommoni che a fatica partono dalle coste libiche, carichi di esseri umani alla ricerca di scampo, possano nascondersi i feroci terroristi che metteranno a repentaglio la pace delle nostre città. Scarsa informazione, utilizzo strumentale e allarmistico dei dati, poca volontà di garantire una conoscenza maggiore delle ragioni di fuga
Leggi l'articolo
di Stefano Galieni (
____________________________________________________________

I corpi scissi dell'Isis
"Il tempo della globalizzazione è il tempo di una violenza che non si limita a uccidere, ma che penetra e ferisce corpo e anime".
Arjun Appadurai

Quanto accade in alcuni Paesi arabi come in alcune capitali europee, sublima ogni modernità, reale o presunta, mettendo a profitto l'istinto primordiale della violenza.

Leggi l'articolo
di Monica Pepe (Zeroviolenza
)
____________________________________________________________

Morire di disoccupazione
"Una Nel mondo 200mila suicidi dopo aver perso il lavoro o per la paura di perderlo o di non trovarlo.
Uno studio svizzero pubblicato su Lancet Psychiatry quantifica l’entità del problema: un caso di suicidio su cinque sarebbe infatti legato alla disoccupazione. E ogni anno sono quasi un milione i suicidi nel mondo. L'impennata di quelli legati alla disoccupazione si è registrata in questi ultimi anni di crisi economica.
Leggi l'articolo di Maria Rita Montebelli (Quotidiano Sanità)
____________________________________________________________

La verità scomoda della morte di Nicole
Con i sistemi di assistenza di cui il nostro paese dovrebbe poter disporre la piccola Nicole si sarebbe salvata. Se, purtroppo, le cose sono andate in maniera tragicamente diversa, vuol dire che le incapacità dei suoi piccoli polmoni sono state aggravate da quelle di un sistema sanitario che per qualche ragione non rispetta i diritti. Da questa semplice e banale considerazione derivano parecchie implicazioni.
Leggi l'articolo di Ivan Cavicchi (Il Manifesto)
____________________________________________________________

L'Italia bulla e misogina
Un milione di insulti contro le donne, 150 mila frasi razziste, oltre 100 mila omofobe. E poi ci sono quelle intolleranti nei confronti dei disabili. C'è un'Italia bulla e misogina scolpita a 140 caratteri, il linguaggio tutto speciale di Twitter, un mezzo che avrebbe dovuto velocizzare i messaggi in poche battute e che invece è diventato anche un canale naturale per urlare odio e intolleranza.
Leggi l'articolo
di Alessandra Magliaro (Ansa)

____________________________________________________________

Campagna numero verde 800 90 10 10 - “Spegni le discriminazioni, accendi i diritti”
Se sei vittima o testimone di comportamenti discriminatori per origine etnica, per età, per credo religioso, per orientamento sessuale e/o identità di genere, per disabilità chiama il numero verde 800 90 10 10 o vai sul sito www.unar.it

____________________________________________________________


Conferenza Stampa - Diritto all'aborto: a marzo il voto del Parlamento europeo. L'incognita del Pd


Venerdì 20 febbraio, ore 11.00
Spazio 88
Via T. Campanella 36 (M. Cipro, Roma)

Firma la petizione promossa da Laiga - Vita di Donna Onlus
____________________________________________________________

Marino vuole regalare i cinema di quartiere agli speculatori, fermiamolo!
Oggi (giovedì 19 febbraio) si sarebbe dovuta tenere la commissione congiunta urbanistica-cultura sul bando-vergogna sui cinema dismessi.
Un bando che prevede, fra le altre cose, la possibilità di conversione totale delle sale ad uso commerciale e residenziale e le cui conseguenze abbiamo iniziato a denunciare appena presentato.

Leggi l'appello
di Off - Festival del cinema chiuso

____________________________________________________________

Zeroviolenza.it è un progetto di informazione indipendente.
Leggi Chi Siamo

Zeroviolenza è di chi lo legge! Sostienici!
Grazie per il tuo contributo!

Per maggiori informazioni contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Continua a seguire Zeroviolenza.it e invia il link ai tuoi amici.

Seguici anche su facebook e twitter!
____________________________________________________________
Il 24% della somma versata può essere detratta dalla dichiarazione dei redditi. Ricorda di comunicare il tuo indirizzo email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per ricevere la certificazione.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali
I tuoi dati sono raccolti solo per informarti sulle iniziative e sulle attività di raccolta fondi a favore dell’Associazione Zeroviolenza Onlus. In ogni momento puoi chiedere la verifica, la variazione o la cancellazione di tali dati, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vuoi cancellarti da questa newsletter? {tag:unsubscribe}
{tag:subscriptions}


   
 
 
  {tag:date format=3}  
 
 
  Newsletter di Zeroviolenza.it n. 7/2015
____________________________________________________________________


Armi e terrorismo, le colpe dell'Occidente


Il traffico di armi nel mondo non conosce crisi. Secondo il nuovo rapporto Trends in international arms transfers dell'Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma (Sipri), il traffico internazionale di armi è cresciuto del 14% nel quinquennio 2009-2013. Armi che servono per uccidere, massacrare civili, a volte profughi in fuga da dittature come quella eritrea, povertà, mutamenti climatici.
Leggi l'articolo
di Marco Omizzolo/Roberto Lessio (Zeroviolenza)
____________________________________________________________

Intervista ad Angelo Del Boca: "Il Governo è irresponsabile"
Abbiamo rivolto alcune domande sull'attuale crisi libica ad Angelo Del Boca, storico del colonialimso italiano, della Libia e autore di molti saggi sulla figura di Gheddafi (compresa una importante monografia, riedita in questi giorni in una versione più completa da Laterza).
Come giudichi l'affermazione del ministro degli esteri Paolo Gentiloni: "Siamo pronti a combattere in Libia...", perché "è uno Stato fallito", sembra spiegare Matteo Renzi?

Leggi l'intervista
di Tommaso Di Francesco (Il Manifesto
)
____________________________________________________________


Intervista a Fabio Mini: "Entrare in guerra è facile ma si rischia il pantano"
"Una volta che ci fossimo infilati in quel pantano, però, difficile sarebbe uscirne. Guardate che cosa accade dopo 14 anni di Afghanistan". Non è usuale sentire un generale del nostro esercito usare tanta freddezza nei confronti della guerra. Eppure Fabio Mini, che è stato il comandante della missione Nato in Kosovo, e capo di stato maggiore del Comando Nato delle forze alleate Sud Europa, non si nasconde dietro le parole.
Leggi l'intervista di Francesco Grignetti (La Stampa)

____________________________________________________________

Perché la Libia è un caso disperato
Il paese è spaccato tra il "legittimo" governo di Tobruk e le milizie "rivoluzionarie" di Misurata che controllano Tripoli.
La competizione fra le monarchie del Golfo. Gli errori occidentali e la solitudine dell'Italia. In palio ci sono i pozzi e i petrodollari.
Un estratto dall'articolo presente in Dopo Parigi, che guerra fa.
Leggi l'articolo
di Mattia Toaldo (Limes)